Gravina: "Siamo tutti preoccupati: protocolli insostenibili. Riapertura degli stadi? Siamo certi che ci arriveremo"

·1 minuto per la lettura

Concluso il Consiglio federale, il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo alla data scelta per l'inizio del prossimo campionato e alla possibile riapertura degli stadi. Riportate da calciomercato.com, ecco le sue parole sulla stagione 2020/2021:
"Il calcio nel suo insieme è molto preoccupato della situazione generale legate alla partenza: siamo in apprensione per l'idea che bisognerà agire su un sistema di protocolli che finisca col diventare assolutamente insostenibile, parzialmente per i professionisti e totalmente per i dilettanti".

Sulla data scelta:
"La data fissata per la ripartenza della Serie A è il 19 settembre; a tal proposito ho voluto prendere una delega per fare una riflessione generale, dal momento che voglio capire com'è articolato il campionato. Noi abbiamo il compito di incastrare il calendario, lavorare su un progetto che tenga conto del campionato, delle competizioni internazionali di club e Nazionali".

Sulla possibilità riguardante la riapertura degli stadi:
"Al momento siamo impegnati nel proporre soluzioni ai nostri organi di governo, direttamente o indirettamente tramite il Comitato tecnico-scientifico. Siamo certi che arriveremo alla riapertura degli stadi. Pensare di riaprire fin dalla prima giornata mi sembra un po' ottimistica come idea".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli