Graziani stronca Higuain: "Addita De Laurentiis? Come un bambino dell'asilo"

Non è ancora finita la battaglia tra Gonzalo Higuain e Aurelio De Laurentiis, l'attaccante della Juventus pretende 2,5 milioni di euro dal Napoli.

Continua a far discutere la 'guerra' a distanza tra Gonzalo Higuain e Aurelio De Laurentiis. Ieri sera il Pipita, logicamente nervoso per i numerosissimi fischi ricevuti, ha provato a riabilitarsi davanti agli occhi degli ex tifosi indicando a più riprese la tribuna dove sedeva il presidente del Napoli, sia prima del match che dopo i due goal messi a segno: un modo per dare al patron azzurro la 'colpa' del suo trasferimento alla Juventus.

Un atteggiamento di rivalsa che non è piaciuto a molti: tra questi ultimi ci sono due ex colleghi dell'argentino, due che conoscevano bene l'arte di far goal, ovvero Ciccio Graziani e Roberto Pruzzo. Il primo, ospite a 'Radio Sportiva', ha accusato senza mezzi termini Higuain di infantilismo.

"Ha sbagliato a indicare De Laurentiis, mi è sembrato un bambino dell'asilo", il duro rimprovero riservato dall'ex attaccante del Torino al bomber bianconero. Graziani, peraltro, ne ha avute anche per Maurizio Sarri: "Il suo gioco è bello, ma così non si vince. Deve imparare da Allegri e Conte. Il suo Napoli mi ricorda quello di Vinicio, una squadra bella da vedere che non otteneva risultati. Se non vinci, nessuno si ricorderà di te".

Sul tema Higuain si è espresso, come detto, anche Pruzzo, ugualmente severo con l'argentino: "I fischi? Ci sta marciando su. Voleva andare alla Juventus e ci è andato, non capisco perchè tira sempre in ballo il presidente. Tutti devono farsene una ragione". Più facile a dirsi che a farsi.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità