Grease sessista e omofobo? Scoppia il caso

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

“Sessista", "eccessivamente bianco", "misogino" e "omofobo". Sono questi alcuni dei commenti negativi che hanno travolto Grease sui social. Il film musicale del 1978, diretto da Randal Kleiser e interpretato da John Travolta e da Olivia Newton-John, è finito sotto attacco sui social dopo essere stato proiettato su Bbc1 lo scorso 26 dicembre.

Ambientato nell’America degli anni ‘50, il film è da sempre un cult della storia del cinema musicale, ma proiettato nel 2020 c’è chi non lo digerisce. E’ il caso di alcuni utenti che, su Twitter, hanno sottolineato come la pellicola inciti allo stupro. A finire nell’occhio del ciclone è un passaggio della celebre canzone “Summer Nights” in cui Danny Zuko (Travolta) descrive la scena di seduzione con Sandy ed il coro chiede “Tell me more, did she put up a fight” (“Dimmi di più, lei ha lottato?).

VIDEO - Chi è John Travolta

Ma anche la trasformazione finale del personaggio di Sandy, la scena in cui Putzie (Kelly Ward), uno degli amici di Danny, si sdraia sul pavimento per guardare sotto le gonne di due studentesse. Scena omofoba è invece stata giudicata quella nella quale l'annunciatore radiofonico Vince Fontaine (Edd Byrnes) invitava i ballerini ad evitare di formare coppie dello stesso sesso.

I commenti più aspri e gli attacchi più duri sono arrivato dagli spettatori più giovani che, in linea con i principi di movimenti come Me Too e Black Lives Matter, hanno chiesto che il musical sulla storia d'amore tra Sandy e Danny non venga mai più mostrato in tv.

LEGGI ANCHE - “Il cancro non è una condanna”: l’urlo di speranza di Olivia Newton-John