Haaland e quel poker davanti agli scout del Manchester United: "Vorrebbe essere come Ibrahimovic"

Goal.com

Il Manchester United è stata probabilmente la squadra più vicina all'acquisto di Erling Haaland, prima che il giocatore firmasse a gennaio con il Borussia Dortmund. Un acquisto sfumato sul più bello, che i Red Devils inseguivano dal 2018.

Già, perché il Manchester United due anni fa mando uno scout in Norvegia, Tommy Moller Nielsen, a vedere la partita tra Molde e Brann, proprio per visionare Erling Haaland. L'attaccante norvegese segnò la bellezza di quattro goal.

E l'allenatore del Molde era proprio Ole Gunnar Solskjaer, attuale tecnico del Manchester United, che in quella stagione strinse un ottimo rapporto con il ragazzo e anche con la sua famiglia.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Ai microfoni di Goal ha parlato Fredrik Brustad, che in quella partita entrò nel secondo tempo proprio al posto di Haaland nel Molde.

"Ricordo che tutti sapevamo della presenza dell'osservatore del Manchester United. La partita di Haaland è stata perfetta. Dopo il terzo goal, ci siamo guardati increduli in panchina".

Samuel Sahin-Radlinger, portiere del Brann in quel match, ha rivelato a Goal anche la sua impressione vedendo giocare Haaland.

"Mi è sembrato estremamente arrogante. Ma i compagni di squadra dicevano fosse un ragazzo molto simpatico. La classica linea sottile tra arroganza e fiducia nei propri mezzi. Penso che vorrebbe essere come Zlatan Ibrahimovic".

Ma evidentemente, almeno fino ad ora, quello tra Haaland ed il Manchester United è stato un matrimonio destinato a non avere luogo. Nonostante la corte di Solskjaer, che ha cercato in tutti i modi di poter allenare nuovamente la stella norvegese.

Potrebbe interessarti anche...