Haas: laminatori di flusso nelle narici del muso

Franco Nugnes
motorsport.com

Alla Haas c'è fermento non solo per rilanciare le sorti della squadra americana dopo la pessima stagione 2019, ma anche per il sospetto che due membri del team possano essere stati colpiti dal Coronavirus e per questo sono stati messi in isolamento in albergo in attesa di conoscere l'esito del tampone al quale sono stati sottoposti.

Nella struttura diretta da Gunther Steiner c'è la speranza che si tratti solo di un attacco influenzale e l'attenzione possa essere orientata alla disputa del Gran Premio che aprirà la stagione 2020.

La Haas deve cancellare il nono posto nel mondiale Costruttori dello scorso anno con una VF-20 che ha le sembianze della Ferrari SF90, ma con alcune particolarità in materia aerodinamica, visto che questo aspetto deve essere sviluppato autonomamente da ciascun team.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

La Racing Point è sotto il tiro di Renault e McLaren perché c'è il forte dubbio che, oltre ad aver realizzato un clone della Mercedes W10, avrebbe usufruito anche dei dati di galleria del vento di Brackley.

Ecco il muso e l'ala anteriore della VF-20: l'immagine di Giorgio Piola ci mostra che nelle due narici ci sono tre convogliatori di flusso che hanno il compito di indirizzare l'aria sotto al naso. Questa soluzione, già adottata nei test invernali, differisce dalla Rossa.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Andrew Hone / Motorsport Images</span>
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 Andrew Hone / Motorsport Images

Andrew Hone / Motorsport Images

Potrebbe interessarti anche...