Hamilton e Bottas, domani tute nere contro il razzismo

Adx
·1 minuto per la lettura

Roma, 2 lug. (askanews) - " stato un peccato che ci sia voluta un'altra morte di un nero negli Stati Uniti per dare il via a questo movimento". Lewis Hamilton torna a parlare della lotta al razzismo in Austria, alla vigilia del primo Gp di stagione. "Il video di George Floyd ha colpito molto, io ho cercato di approfondire la questione che complicata - ha detto il pilota britannico della Mercedes - positivo vedere intraprendenza da parte della F.1, ho passato molto tempo al telefono per definire questi programmi e cercare di fare sempre di pi". Hamilton e il suo compagno di team, Valtteri Bottas, indosseranno tute nere in occasione della gara di F1 sul Red Bull Ring. "L'uguaglianza e l'inclusione devono essere centrali in F.1, il mio appello andava a tutti i team e non tutti hanno risposto. C' ancora lavoro da fare nei confronti delle minoranze, continuer a spingere finch non vedr un paddock cambiato. Tutto comincia con l'istruzione ed per questo che ho iniziato con 'The Hamilton Commission. positivo vedere che la gente voglia vedere azione, mi piace che anche la Mercedes voglia partecipare alla diffusione dei temi dell'uguaglianza e dell'inclusione. Questo uno sport di altissimo livello, ma non tutte le opportunit di accedervi sono state offerte alle minoranze. Io non smetter di spingere, finch non ci sar un vero cambiamento, non sar con un pilota in nero in pi che le cose saranno cambiate, c' da fare molto di pi".