Hargreaves difende Solskjaer: "Persona fantastica. Ha fatto benissimo allo United"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Esclusiva 90min.com - Owen Hargreaves, ex stella del Manchester United, sostiene che il tecnico Ole Gunnar Solskjaer non goda del giusto credito per il lavoro che continua a svolgere a Old Trafford, migliore di alcuni allenatori di livello internazionale. Solskjaer, oltre ad aver migliorato la posizione di classifica del club anno dopo anno - piazzandosi secondo nella Premier League 2020/21 - ha la possibilità di vincere il suo primo trofeo da allenatore dello United nella finale di Europa League contro il Villarreal.

Di recente, il tecnico norvegese ha acceso un dibattito: sono più importanti i trofei oppure portare avanti un progetto a lungo termine? Senza comunque nascondere la sua volontà di alzare qualche coppa, che garantirebbe una mentalità vincente alla squadra. La stessa che ha guidato al successo lo United per decenni. "Non è né l'uno né l'altro, I tifosi sono già abituati a vincere, così come i giocatori. È la storia a imporlo. Solskjaer lo sa. Ha vinto come giocatore e ora vuole vincere come allenatore", ha dichiarato Hargreaves ai microfoni di 90min.

Owen Hargreaves | VI-Images/Getty Images
Owen Hargreaves | VI-Images/Getty Images

“Se giochi per lo United significa che sei un grande giocatore e hai un certo talento. Ma l'obiettivo non è soltanto essere una buona squadra, ma essere la squadra migliore. Adesso hanno la possibilità di essere la migliore squadra dell'Europa League. Ma l'obiettivo è vincere la coppa e poi diventare la migliore squadra della Premier League. Sono migliorati quest'anno sotto molti aspetti, giocano bene e segnano tanto. Forse non sono così bravi in fase difensiva".

Solskjaer è stato una leggenda da calciatore, ma nelle vesti di allenatore era considerato un'incognita all'inizio del suo percorso, quando nel 2018 venne chiamato a sostituire ad interim l'esonerato José Mourinho. Aveva vissuto prima un ottimo periodo in Norvegia e poi deludente a Cardiff, ma ha ricevuto più critiche del dovuto nel momento in cui è entrato a Old Trafford.

Ole Gunnar Solskjaer | Laurence Griffiths/Getty Images
Ole Gunnar Solskjaer | Laurence Griffiths/Getty Images

Hargreaves considera ingiusto questa reazione per via dell'impatto positivo che ha avuto sullo United e del suo score totalizzato contro allenatori del calibro di Pep Guardiola e lo stesso Mourinho. Il riscatto si rivelerà fondamentale per Solskjaer e la squadra contro il Villarreal di Unai Emery a Danzica.

“Ole ha battuto alcuni dei più grandi allenatori. Non credo che ottenga abbastanza meriti. Non so perché", ha proseguito Hargreaves. “Forse perché è un ex giocatore e ha gestito il Cardiff non come voleva. Ma ha dimostrato di poter praticare un buon calcio e maturare grande esperienza soprattutto in campo internazionale. È una grande chance per lui poter giocare la finale di EL. Sono sicuro che saranno i favoriti se giocheranno come sanno".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Uno dei compiti principali che Solskjaer ha dovuto affrontare allo United è stato quello di costruire quella cultura vincente e coesa che si era probabilmente persa nel corso degli ultimi cicli manageriali di breve durata.

"Molti non hanno notato il fatto che Solskjaer si sia circondato di molte persone fantastiche come lui", ha detto Hargreaves. “Michael Carrick, Darren Fletcher, ragazzi sani, gente di calcio che conosce il club. L'obiettivo è quello di reclutare giocatori e membri dello staff che fanno parte della società da anni e sentono il club. Che siano di squadra, proprio come Ole. È bello, penso che la sua gestione da uomo sia stata davvero buona perché sembra che questo United sia più vicino ai tifosi e alla tradizione rispetto ad altri team del passato".

Ole Gunnar Solskjaer, Michael Carrick | Clive Brunskill/Getty Images
Ole Gunnar Solskjaer, Michael Carrick | Clive Brunskill/Getty Images

“È importante per Ole. Non me ne ha parlato, ma vedendolo circondato da quei ragazzi non è una coincidenza. Penso che volesse ricreare la cultura del club. Cavani è un esempio. Lasciamo stare i gol, pensiamo alla presenza che il calciatore, il modo in cui gioca e si allena. Corre, si spende per i compagni. Non si guarda più Cavani dicendo che dovrebbe fare di più. Solskjaer nota tutto. Se lavori duro, giochi. È questa la sua cultura", ha concluso Hargreaves.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli