Higuain torna al San Paolo, Ferrara sicuro: "I fischi lo esalteranno"

Il Napoli recupera Hysaj, Reina stop: Rafael sarà titolare. Allegri lancia Lemina sulla trequarti e recupera Mandzukic dal 1': fuori Alex Sandro.

Ciro Ferrara ha vinto tutto in carriera con la maglia di Napoli e Juventus, in Italia ma anche in Europa, e sa bene cosa significa tornare al San Paolo da ex.

"La prima volta sono stato accolto in modo bellissimo - ricorda Ferrara in un'intervista al 'Corriere dello Sport' - poi, qualcosa è cambiato. Forse perché, per motivi anagrafici, i tifosi più giovani mi ricordano solo come giocatore bianconero e non come il terzino che vinse lo scudetto con Maradona".

Oggi il grande ex è Gonzalo Higuain, che torna per la prima volta al San Paolo da avversario dopo il trasferimento alla Juventus: "Mi aspetto un'accoglienza variegata, tra fischi ed indifferenza. Ecco, io spero proprio che, al di là dei prevedibili fischi, trovi spazio anche lo sfottò arguto, sottile, corrosivo. E, soprattutto, mi auguro prevalgano il rispetto e l’educazione".

Tuttavia Ferrara non crede che Higuain passerà una serata da incubo: "Non conosco personalmente Higuain, ma so per certo che un fuoriclasse del suo calibro non si lasci né spaventare né intimidire da un ambiente ostile. Anzi. In fondo, al Napoli ha già segnato con la maglia della Juve. 

E’ vero, si giocava allo Stadium e non al San Paolo, ma l’esperienza mi dice che partite così importanti e così delicate come le due in arrivo esaltino i campioni autentici. E Higuain lo è. I fischi potrebbero essere un propellente formidabile".

Higuain a parte, sarà una partita aperta a tutti i risultati secondo Ferrara: "Al San Paolo può succedere di tutto: i dieci punti che separano le due squadre non fotografano con precisione il vero rapporto di forze. Il divario c’è, ma in una partita secca di novanta minuti il Napoli può colmarlo".

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità