Honda in campo dopo 4 mesi, Montella spiega: "Suso era stanco... "

Nel Cagliari Padoin terzino, uomini contati per Rastelli. Il Milan torna al tridente e rilancia Honda: titolare e capitano. Lapadula confermato.

La mossa della disperazione. Questo è sembrato a molti l'ingresso di Keisuke Honda, lanciato nella mischia da Montella al minuto 87' di Milan-Empoli per cercare di pareggiare la partita.

Il giapponese, d'altronde, non giocava neppure un spezzone in Serie A ormai dal lontano 12 dicembre 2016 quando subentrò per gli ultimi minuti durante la partita persa a Roma contro i giallorossi.

Poi per Honda infatti solo tante panchine fino ad oggi, quando Montella ha deciso di concedergli un'altra occasione. Seppure per tre minuti più recupero.

Il tecnico, al termine della partita, ha poi spiegato il motivo dell'ingresso di Honda: "Keisuke è un professionista straordinario. Gli ultimi minuti ho visto stanco Suso e in quella posizione Honda poteva essere pericoloso.

Ha recuperato una palla e ha mandato in porta Pasalic. Ha dimostrato di essere coinvolto anche per pochi minuti"

Nonostante questo comunque l'addio tra Honda e il Milan al termine di questa stagione sembra scontato. Il giapponese, arrivato nel gennaio del 2014, fin qui in rossonero ha collezionato 90 presenze con 10 goal e 14 assist.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità