Honda fissa gli obiettivi per costruire la fiducia con Red Bull

Scott Mitchell

Honda è stata lodata da Red Bull per aver prodotto i guadagni promessi in questa stagione, grazie ad un programma di sviluppo aggressivo che comprendeva tre aggiornamenti delle specifiche. Nonostante il costruttore giapponese aveva inizialmente voluto cominciare la stagione con quello che poi sarebbe diventato il motore Spec 2, ha raggiunto il programma con Red Bull prima dell’inverno 2018/2019. Motorsport.com comprende che le prestazione del costruttore rispetto ai suoi rivali è il punto focale della struttura di ricerca e sviluppo di Sakura.

L’amministratore delegato di Honda F1 Masashi Yamamoto ha dichiarato a Motorsport.com: “Facciamo regolarmente incontri con Red Bull, Christian Horner ed Helmut Marko, io ed Asaki-san. Lì condividiamo i nostri piano così come la situazione attuale e lo stesso fanno loro. Il fatto che rientri quasi tutto nei piani come previsto è molto importante, perché abbiamo una fiducia reciproca e questo rende il rapporto più solido. Non vediamo l’ora di iniziare il prossimo anno”.

Honda ha evitato di prefissarsi obiettivi specifici per questa stagione, anche se sperava di aiutare Red Bull ad ottenere risultati migliori rispetto a quando il team collaborava con Renault. Tuttavia, Marko ha iniziato l’anno con l’intenzione di vincere cinque gare, ma nessuna delle parti ha raggiunto i propri obiettivi. Nonostante i tre successi di Max Verstappen, ci sono stati alcuni problemi con Pierre Gasly che hanno portato Red Bull a decidere di sostituirlo con il rookie Alex Albon.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Questo ha significato che il conteggio delle vittorie della Red Bull sarebbe stato inferiore rispetto a quanto prefissato, ma Yamamoto ha affermato di non essersi mai sentito stressato, anche quando ad inizio stagione la Mercedes aveva un vantaggio evidente: “Conosco Christian ed Helmut, comunichiamo molto bene e ho visitato la fabbrica Red Bull, quindi mi fido di loro. Pensavo che forse avremmo potuto vincere a Monaco, cosa che poi non è riuscita. Tuttavia, non ci ha innervositi. Eravamo abbastanza rilassati in questa situazione, abbiamo pensato che le cose sarebbero andate bene”.

A fine stagione, Red Bull e Honda non avevano accusato grossi problemi al motore e questo significa che il costruttore giapponese aveva battuto i propri concorrenti in termini di affidabilità. Inoltre, ha completato un numero maggiore di chilometri per motore rispetto a qualsiasi altro costruttore, anche se questi successi sono qualificati da Mercedes e Ferrari, che usano i loro motori più a lungo.

“Quest’anno abbiamo ottenuto un grande risultato in termini di sviluppo della power unit – afferma Yamamoto – come si può vedere dai risultati in gara, l’affidabilità è una cosa, mentre la potenza è un’altra. Siamo abbastanza vicini alla Mercedes, ma siamo ancora un po’ indietro. L’intera stagione è stata positiva per noi e ne siamo soddisfatti”.

Potrebbe interessarti anche...