Honda sceglie Cameron, Farnbacher, Van Der Zande e Baguette

Francesco Corghi

Bertrand Baguette, Dane Cameron, Mario Farnbacher e Renger Van Der Zande sono i piloti scelti dall'Honda Racing Team JAS per la stagione 2020 dell'Intercontinental GT Challenge.

Al volante della NSX GT3 Evo di Classe Pro avremo quindi un quartetto di concorrenti d'esperienza che hanno già avuto modo di guidare la vettura costruita dall'azienda milanese, con Van Der Zande, Cameron e Farnbacher che saranno in azione fin dalla 12h di Bathurst, round d'apertura della serie, poi a Suzuka, Indianapolis e Kyalami, mentre Baguette si unirà a loro per la 24h di Spa.

Il belga, che quest'anno correrà nel SuperGT giapponese, ha così commentato: "E' il mio settimo anno con Honda Racing e per me è un privilegio essere inserito nel programma IGTC. Nel 2019 abbiamo fatto grandi progressi con la NSX GT3 Evo e nell'ultima gara in Sudafrica abbiamo visto che il passo era consistente sull'asciutto, il che ci può far ambire a pole position e qualcosa di più. Iniziamo la stagione in una posizione migliore con tante cose ora ben chiare. La line-up è forte e non vedo l'ora di essere a Spa".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Cameron ha aggiunto: "Dopo un ottimo anno in Nord America, per me è stato un onore rappresentare Honda all'ultima gara del 2019 nell'IGTC e sono contentissimo di avere un programma più lungo con la NSX GT3 Evo per il 2020. A Kyalami siamo stati veloci e spero che lo saremo anche in Australia, penso sarà una grande stagione. Bathurst comincerà qualche giorno dopo la 24h di Daytona e sarà una settimana impegnativa, ma sono impaziente di cominciare".

Soddisfatto anche Farnbacher: "Sono estremamente orgoglioso di essere stato scelto come rappresentante Honda nell'IGTC ancora una volta. Nel 2019 abbiamo avuto alti e bassi, ma in tutta la stagione potremo dimostrare il potenziale della NSX GT3 Evo, che ha già fatto vedere di essere una delle più rapide GT3 nel mondo. Cominceremo su una delle piste più belle come Bathurst, è entusiasmante e non vedo l'ora di essere in Australia".

Van Der Zande chiosa: "Sono contento di far ancora parte del programma Honda per l'Intercontinental GT Challenge. Il livello della serie tra team, marchi e piloti è intenso e alto. A Spa l'anno scorso eravamo quasi 30 auto in un secondo in Qualifica, il che vuol dire che il team ha fatto un grande lavoro con la nuova versione della NSX GT3 per fare progressi. Ora siamo in una posizione per compiere un ulteriore salto in avanti. A Bathurst ho corso nel 2016, è un circuito incredibile e non vedo l'ora sia fine mese".

Potrebbe interessarti anche...