I contagi proiettano l'Italia verso lo scenario 4, il più grave

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Alessandra Tarantino)
(AP Photo/Alessandra Tarantino)

La costante crescita dei nuovi contagi da COVID-19, arrivati giovedì 29 ottobre a quota 26.831, sommata al valore dell'indice di trasmissibilità Rt, proiettano verosimilmente l'Italia verso il cosiddetto "scenario 4", l'ultimo e il più grave previsto nel documento di "Prevenzione e risposta a COVID-19" redatto dall'Istituto Superiore di Sanità.

VIDEO - Francia, Macron annuncia il nuovo lockdown

A quanto si apprende da fonti qualificate, è infatti molto probabile che il valore di Rt abbia superato la soglia dell'1,5 registrato la scorsa settimana e riferito al periodo 12-18 ottobre. Ciò per effetto del forte aumento dei casi. Proprio Rt sopra l’1,5 è uno degli elementi che delinea lo scenario peggiore dell'epidemia.

“Che il lockdown sia una delle ipotesi previste - generale, parziale, localizzati, o come quello che abbiamo visto a marzo - era previsto - ha riferito in merito Agostino Miozzo. coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts). - Speravamo, auspicavamo di non arrivare a quelle ipotesi. Ma se guardiamo anche ai paesi accanto a noi, sono purtroppo ipotesi realistiche".

"Ora stiamo uscendo da una decisione sofferta come l'ultimo Dpcm che già dà delle limitazioni piuttosto rigorose - ha concluso Miozzo -. Vediamo se avranno un minimo impatto, altrimenti saremo costretti a prendere misure diverse".

VIDEO - Ibra, messaggio social: "Non sfidate il virus"