'Ibra al ristorante mentre Milano è zona rossa'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Zlatan Ibrahimovic, pur testimonial della lotta al Covid ("usa la testa e rispetta le regole: distanziamento e mascherine" il suo spot sul Pirellone per la Regione Lombardia) "pizzicato" a pranzo con un gruppo di amici in un ristorante milanese, "Tano passami l'olio" e quindi in piena zona rossa. Lo scrive Fanpage.it, che pubblica anche delle foto del fuoriclasse rossonero a tavola in compagnia.

Tra i presenti, stando a quanto apprende Fanpage.it, c'era anche l'ex calciatore del Milan Ignazio Abate. Lo stesso chef, Tano Simonato, ha confermato il convivio al sito, a sua volta allertato da una fonte anonima che ha fornito immagini e dettagli: "Ibra, Ignazio con un altro amico carissimo sono venuti a trovarmi, siamo stati lì un paio d'ore e poi se ne sono andati a casa. È stata una cosa tra amici, normali, siamo amici e noi ogni tanto ci vediamo da me se non ci vediamo da altri amici. Non hanno pranzato, da amici abbiamo bevuto un bicchiere di vino". La fonte di Fanpage però afferma che il conto è stato di 300 euro a testa.

Zlatan Ibrahimovic "ha commesso ovviamente una leggerezza", essendo in zona rossa, ma non è andato a pranzo. L'attaccante del Milan, apprende l'Adnkronos da fonti vicine al club -che ancora non ha preso una posizione ufficiale sulla presenza di Ibra nel locale 'Tano passami l'olio' di Milano, rivelata a Fanpage.it da una fonte anonima con tanto di foto- "è stato un'ora a parlare di lavoro, ha raggiunto degli amici in questo ristorante, ma non ha pranzato".