Ibra promuove Mandzukic: il Milan ha la sua coppia scudetto

Daniele Longo
·2 minuto per la lettura

La bellezza del 2020 di Ibrahimovic è racchiusa nell'intervista concessa nel post partita di Cagliari a Sky: "I giovani mi motivano, fanno le sfide con me per vedere chi corre di più, io non mollo e dimostro che posso correre come loro. Scudetto? Credo in Zlatan". 39 anni e non sentirli, quel fuoco dentro che arde come nei primi passi della sua carriera all'Ajax. Zlatan è questo, insaziabile e vincente. Una motivazione così incredibile che lo rende quasi incomprensibile ai comuni mortali. Non partiva titolare in campionato dal 22 novembre (Napoli-Milan) e dopo 57 giorni è tornato a fare quello che gli riesce meglio: segnare e determinare le partite.

TUTTI I NUMERI DI IBRAHIMOVIC - Quinta doppietta in campionato, dodici marcature complessive, una rete ogni 52' minuti. I numeri di Ibrahimovic in questa stagione raccontano quello che è, probabilmente, il miglior giocatore della serie A. Più incisivo per il Milan di quanto non lo sia Cristiano Ronaldo per la Juventus. Ieri sera contro il Cagliari ha ritrovato la giusta confidenza dopo i recenti errori che ne avevano minato la sua proverbiale sicurezza. Zlatan è il líder máximo di un Milan che guida la classifica con tre lunghezze di vantaggio su un'Inter che sta viaggiando a ritmi forsennati. Centro di un mondo, quello rossonero, dove tutti lo seguono con estrema devozione.

TRA MANDZUKIC E RINNOVO - "Sono contento, così ne abbiamo due che mettono paura agli avversari". L'attaccante svedese ha confermato tutte le indiscrezioni che erano circolate prima dell'arrivo dell'attaccante croato. Anche Ibrahimovic ha votato a favore di Mario, del quale rispetta la mentalità e la fame di vittorie. Entrambi parlano la stessa lingua calcistica, anche se con sfumature tecniche molto diverse. E Pioli può pregustare una coppia che fa gettare la maschera al Milan nel discorso scudetto. I due inizieranno a conoscersi già da oggi pomeriggio, pronti a lottare spalla a spalla per i prossimi diciotto mesi. Perché Ibrahimovic, ieri, ha chiamato Paolo Maldini per il rinnovo: vuole giocare almeno per un'altra stagione. D'altronde non avrebbe senso rinunciare a esibizioni come quella offerta alla Sardegna Arena.