Icardi-Argentina? Bauza spiega: "Se si fanno male Higuain o Pratto lo convoco"

Icardi continua a segnare all'Inter, ma al CT argentino Bauza questo interessa poco e spiega che lo convocherà in caso di guai per Higuain o Pratto.

Tre goal nell'ultima partita contro l'Atalanta, cinque nelle ultime tre gare, Mauro Icardi sta attraversando un momento molto positivo, anche se per l'attaccante argentino rimane sempre il cruccio di non essere 'visto' dal CT dell'Albiceleste Edgardo Bauza.

Il CT non ritiene Icardi particolarmente utile alla sua squadra, quanto meno lo ritiene meno utile di altri, e lo ha ribadito ancora una volta in un'intervista concessa all'argentino 'La Nacion'... "Mi rompono sempre con Icardi - ha affermato Bauza - A lui l'ho già detto, testualmente: stai tranquillo che se succede qualcosa a uno di quei due (Higuain e Pratto, ndr) ti convoco. Lui è felice e tranquillo, non ha problemi. Mi ha detto: 'Io sono tranquillo'. Gliel'ho detto più volte che potrebbe toccare a lui in qualsiasi momento e che in Nazionale nessuno ha problemi con lui".

Icardi ha davanti a sé, nelle scelte del CT, un bomber del calibro di Higuain e un attaccante che si integra meglio nel gioco collettivo come Pratto... "Icardi per me è un buon finalizzatore - ha spiegato Bauza - ma non è un giocatore che si adatta bene al gioco di squadra. In questo, fra i tre, è Pratto quello che fa meglio degli altri, anche se non ha una vena realizzativa alla pari di Higuain. Icardi negli ultimi 30 metri è sempre stato pericoloso e con la fiducia che ha in questo momento lo è ancora di più, ma non ti aiuta molto nel possesso palla".

Bauza, comunque, non esclude di poter convocare anche Icardi il prossimo giugno per l'amichevole col Brasile... "Se lo chiamerò? Può darsi - ha detto il CT - ma non lo so ancora".

Chi chiamerà di sicuro, invece, è Paulo Dybala... "Nel giro di due o tre anni diventerà un giocatore strepitoso - ha detto Bauza - Lo porterò sicuramente al Mondiale di Russia. Vedo, però, che lui non si sente un giocatore importante, è timido. Ha già 24 anni, non 18 o 19, ma gil do ancora del tempo perché è un giocatore formidabile, ha molta facilità nel giocare negli ultimi trenta metri; inoltre gioca in Italia e questo lo sta facendo crescere molto a livello tattico".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità