Icardi non vuole rinunciare al PSG e sbotta: 'Ho 2 anni di contratto, decido io se rimanere'. Ma il mercato attorno a lui tace

Il futuro di Mauro Icardi è uno degli argomenti che più fanno discutere perché l'avventura dell'attaccante argentino a Parigi sicuramente non è stata finora di quelle da incorniciare, con tanti problemi fisici e un ricco contratto che rende complicato pensare a un mercato vivissimo attorno a lui. Tante sono le speculazioni che lo riguardano ma, rispondendo polemicamente su Instagram, l'ex capitano dell'Inter ha voluto chiarire, fra un j'accuse e l'altro, che il suo futuro resta al PSG.

DECIDO IO - Icardi non vuole sentir parlare di futuro e sottolinea come il contratto che lo lega al club parigino sia ancora in essere e a cui non ha alcuna intenzione di rinunciare: "Quando facevo 30 gol a stagione c'erano gli stessi argomenti. Ho ancora due anni di contratto mi conoscono abbastanza bene tutti e decido io di restare e mettermi a disposizione".

IL MERCATO TACE - La sua posizione è stata ribadita e il suo contratto difeso a denti stretti. Tuttavia proprio l'intesa in scadenza 2024 è anche ciò che oggi spaventa o meglio allontana tutti i club che magari in passato avevano pensato di avvicinarsi a lui. La punta argentina guadagna infatti 9,5 milioni di euro annui e a quelle cifre oggi non c'è un club pronto ad arrivare. Nonostante i possibili vantaggi del decreto crescita che da questa estate possono essere attivati, il mercato attorno a Icardi tace. "Decido io di restare" dice Maurito, ma l'alternativa alla permanenza a Parigi oggi non c'è.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli