Icardi si rialza, Morata si siede: altalena tra campo e mercato per l'attacco della Juve

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Juventus
    Juventus
    LiveOggiDomanivs--|
  • Álvaro Morata
    Álvaro Morata
    LiveOggiDomanivs--|
  • Mauro Icardi
    Mauro Icardi
    LiveOggiDomanivs--|

Il mercato invernale della Juventus ruota attorno al ruolo del centravanti. Alvaro Morata vuole ancora tornare in Spagna al Barcellona, prima però i bianconeri devono trovare un sostituto adeguato. Vlahovic e Scamacca non si muovono da Fiorentina e Sassuolo almeno fino al termine della stagione, così lo sguardo dei dirigenti torinesi si sposta all'estero. Più precisamente in Francia, a Parigi, dove c'è un certo Mauro Icardi.

L'attaccante argentino ex Inter, 29 anni il prossimo 19 febbraio, è sotto contratto fino a giugno 2024 con il Paris Saint-Germain. Che, almeno finora, non ha aperto alla formula gradita alla Juve: quella di un prestito con diritto di riscatto. Intanto, dopo aver segnato nelle ultime due gare del 2021 in trasferta contro Feignies-Aulnoye (in coppa) e Lorient (in campionato), Icardi è rimasto in panchina per tutta la prima partita del nuovo anno vinta sul campo del Vannes. Ma è pronto a tornare in campo domenica sera a Lione. L'allenatore Pochettino ne ha parlato bene in conferenza stampa, dribblando una domanda sulla foto di Maurito con la "pancetta" e annunciando che può giocare dall'inizio insieme a Mbappé.

Invece, dopo aver deluso giovedì contro il Napoli, Morata si appresta a partire dalla panchina a Roma. Allegri è orientato a preferirgli Kean, schierato come unica punta centrale nel 4-2-3-1 con McKennie, Dybala e Chiesa alle sue spalle. Lo spagnolo potrà così rifiatare in vista della Supercoppa italiana di mercoledì prossimo contro l'Inter a San Siro. In quella che, fino a tre anni fa, è stata la casa di Icardi. Due numeri 9 e due destini che si uniscono.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli