"Igor il russo tenterà la fuga": spunta la gabbia speciale

Yahoo Notizie
Igor il russo
Igor il russo

"È un criminale estremamente pericoloso, una persona che se può scappare lo farà, ad ogni costo, perché ormai non ha più nulla da perdere". Si torna a parlare di Igor il russo, il killer che seminò morte e paura tra le province di Bologna e Ferrara nell’aprile 2017, poi catturato in Spagna non prima di aver ucciso di nuovo.

A lanciare l’allarme è il quotidiano spagnolo Comarca: “Igor il russo potrebbe tentare la fuga”. Il criminale serbo, martedì 28 gennaio, si presenterà per la prima volta davanti alla giustizia iberica: sarà processato in due fasi per due tentati omicidi e per gli assassini di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore. I fatti si sono verificati alla fine del 2017, quando era ancora latitante in Aragona.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Il 38enne verrà trasferito dal carcere di massima sicurezza di Teixeiro, a La Coruna, per essere presente nell'aula della Corte di Teruel. Ma, come spiega Comarca, c'è un dettaglio che preoccupa: l'aula non è dotata delle necessarie misure di sicurezza per ospitare un detenuto così pericoloso.

LEGGI ANCHE: Il ritorno di Igor il russo: il serial killer che terrorizzò l'Italia

Una gabbia speciale per Igor

Il quotidiano spagnolo ha fatto sapere che sarà allestita a tempo record “una cabina di cristallo blindato”. La struttura, solitamente utilizzata per i criminali incalliti e in passato per i detenuti dell'ETA, consentirà al criminale di seguire il processo per tentato omicidio (che durerà una settimana).

Diversa, invece, la situazione per quanto riguarda il triplice omicidio. All'inizio si è pensato a un collegamento in videoconferenza con il carcere in cui Norbert Feher è detenuto, ma le forze di sicurezza hanno poi fatto scartare questa possibilità.

LEGGI ANCHE: Igor il Russo: "Potrei far fuori altri 50 uomini anche armati però non potrei mai fare male a una donna"

Igor il russo è stato già condannato in Italia per gli omicidi di Davide Fabbri e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri. E non ha mai mostrato alcun segno di pentimento. "Ho ucciso per difesa, quando vengo attaccato reagisco - aveva dichiarato - Questo è successo solo per poter fare una nuova avventura che il Signore mi ha riservato. Quindi vado avanti con più forza di prima. Avrò duecento anni in tutto da scontare. Dovrei essere Highlander per farmeli tutti".

GUARDA ANCHE - Orlando su cattura Igor: “Collaborazione paesi è fondamentale”


Potrebbe interessarti anche...