Il Brasile prepara i Mondiali in Italia: quella volta che Romario e Bebeto persero con la selezione umbra...

Non una prima volta. Anche per il ritiro in vista dei Mondiali di Italia 90 il Brasile scelse l'Italia, in quel caso Gubbio, in Umbria, mentre per il Qatar la nazionale di Tite ha puntato su Torino e la Continassa: in quell'occasione la nazionale verdeoro, alla ricerca di un'amichevole contro uno sparring partner per prepararsi proprio alla competizione iridata, decise di sfidare il Gubbio, il 24 maggio 1990, asfaltandolo per 14-1.

IL 'COMBINADO DA UMBRIA' - L'esordio della Selecao sarebbe stato di lì a poco proprio a Torino, contro la Svezia, e prima di trasferirsi ad Asti per il premondiale, il ct Sebastiao Lazaroni optò per un secondo match, contro una fusione tra i calciatori di Ternana, Perugia e Gubbio, allo stadio Liberati di Terni: la Top Umbria, come venne chiamata, sembrava la vittima sacrificale dell'onnipotente Brasile. La selezione umbra, in campo con le maglie del Grifone e con giocatori che militavano in Serie C1, davanti a 15mila spettatori, riuscì a sconfiggere gente come Bebeto, Romario, Careca, Branco, Dunga, Müller e Alemão.

CHE UMILIAZIONE! - Tutti i titolari in campo in quella che divenne poi il "Combinado da Úmbria": decise Edoardo Artistico su punizione, diventando il primo perugino ad essere applaudito dai ternani. La partita entrò nella storia come una delle sconfitte più umilianti di sempre per la Selecao.