Il calciomercato passa per Marassi: Lapadula-Genoa, Napoli su Schick

“Certi amori non finiscono” cantava Antonello Venditti, “fanno dei giri immensi e poi ritornano”. Una canzone presa in prestito da Adriano Galliani, in passato, per parlare del ritorno di Kakà al Milan. In questo caso nessun ritorno ma il possibile arrivo a Genova di un giocatore che i rossoblù in passato avevano a lungo corteggiato. Come un amore mai sopito allora, sembra che Preziosi la prossima estate voglia riprovare a portare Lapadula al Genoa.

Un'estate fa era tutto fatto. Accordo tra club sulla base di 9 milioni di euro e accordo anche tra la dirigenza genoana e Lapadula, che aveva anche scelto il numero di maglia. Mancavano soltanto le visite mediche per fare in modo che Preziosi riuscisse a beffare tutte le squadre che si erano messe in fila per l’attaccante, che al Pescara aveva segnato 30 goal in una sola stagione. La Juventus, che l’avrebbe preso in condominio con il Sassuolo, la Lazio e il Napoli, che erano state le squadre più pressanti.

Poi però in gran segreto, proprio Galliani incontrò il presidente Sebastiani a Casa Milan, aumentando l’offerta agli abruzzesi e convincendo il giocatore attraverso la mediazione di Alessandro Moggi, suo agente. Lapadula inviò un messaggio a Preziosi, scusandosi per essersi dovuto rimangiare la parola data. Troppo grande l’occasione Milan per la sua carriera. Soprattutto nel momento in cui Bacca sembrava molto vicino a lasciare i rossoneri e Lapadula aveva annusato un posto da titolare lì in attacco.

Poi però le trattative che avrebbero dovuto portare il colombiano prima al West Ham e poi al Siviglia sono andate in fumo e con la permanenza di Bacca al Milan, si sono ristretti notevolmente gli spazi di Lapadula che, numeri alla mano, ad oggi ha totalizzato appena 868 minuti, riuscendo a segnare cinque goal.

Gianluca Lapadula Milan Genoa Serie A 18032017

Difficile voglia vivere un’altra stagione da comprimario. Ecco perché sta prendendo corpo l’idea di un nuovo trasferimento, con Preziosi pronto ad intavolare un’altra trattativa per provare a prenderlo. Soprattutto dopo essersi reso conto che dopo la partenza di Pavoletti, il Genoa ha perso gran parte del potenziale offensivo. E visto che ci sono ottime possibilità che in estate vada via anche Simeone, la priorità del prossimo mercato sarà chiaramente quella di prendere un numero 9.

Di attaccanti invece la Samp ne ha in abbondanza. Quagliarella, Muriel e soprattutto Schick, che sta stupendo tutti nella sua prima straordinaria stagione in Italia. Ha segnato 11 goal in 29 partite, una media di un goal ogni 111 minuti, praticamente numeri da capocannoniere. Ecco perché ha attirato l’attenzione di grandi club.

In Europa ci sono Everton e Tottenham, con il procuratore che qualche giorno fa ha incontrato le rispettive società. In Italia invece si sono fatte sotto l’Inter e il Napoli. Soprattutto il club di De Laurentiis sembra fortemente interessato. In attacco non ci saranno grandi stravolgimenti ma qualcuno molto probabilmente partirà. Motivo per cui Giuntoli ha messo nel mirino il ventunenne ceco che può fare l’attaccante, come la seconda punta o il trequartista. Base d’asta 25 milioni di euro.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità