Il campione di tuffi italiano che non può vincere trofei per l’Italia

Yahoo Sports IT
Eduard Timbretti Gugiu, secondo da sinistra, dopo la conquista di una medaglia d’argento. (Credits – Instagram)
Eduard Timbretti Gugiu, secondo da sinistra, dopo la conquista di una medaglia d’argento. (Credits – Instagram)

Lui si chiama Eduard Timbretti Gugiu ed è uno dei talenti più puri e cristallini dei tuffi italiani. A livello regionale fin da piccolo ha dominato tutte le gare in Piemonte – lui è nato e vive a Cuneo – e a livello nazionale si è laureato, ufficiosamente, vice campione italiano. Eppure Eduard, nato e cresciuto in Italia, ufficialmente non può vincere le gare regionali, nazionali, ma soprattutto non può partecipare a eventi internazionali. Perché non è italiano.

In Italia, infatti, non c’è lo ius soli – lo sappiamo bene visto che è un tema caldissimo nello scontro politico nazionale – e un ragazzo nato e cresciuto in Italia può provare a ottenere la cittadinanza italiana solo al compimento dei 18 anni. Ed Eduard, oggi, non ne ha ancora 17, essendo nato il 18 giugno 2002 a Cuneo. E, così, la carriera del giovane campione di tuffi è in stand by, nonostante possa diventare, secondo gli esperti, un grande campione per i colori azzurri.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

“Lo seguiamo da quando era piccolo, come società l’abbiamo sempre sostenuto. Un talento sportivo e prim’ancora un ragazzino eccezionale” racconta a La Stampa Mimmo Alicandri Ciufelli, suo primo allenatore alla Libertas Tuffi Cuneo. E il direttore tecnico tuffi della Federazione italiana nuoto, il fossanese Oscar Bertone, ribadisce: “È un atleta di interesse nazionale, lo seguiamo, lo aiutiamo anche con allenamenti nella piscina dell’Acqua Acetosa a Roma e siamo molto attenti alla questione nazionalità”.

La famiglia di Eduard arrivò a Cuneo nel 1993, con papà Sandro, che venne adottato dalla famiglia Timbretti. Da allora vivono in Piemonte da sempre, ormai sono 26 anni, e qui sono nati Eduard e suo fratello Robert. Eduard studia al Liceo scientifico di Cuneo, si allena a Torino, ha amici italiani, vive quotidianamente la vita di un adolescente italiano. Ma non lo è e, così, non può gareggiare con i colori azzurri.

Potrebbe anche interessarti:

Basket: Belinelli “Voglio i Mondiali col Gallo”

Tweet omofobo, rugbista rischia esclusione dai Mondiali

Che fine farà la biglia gigante di Pantani?

Potrebbe interessarti anche...