Il caso Bakayoko-Kessié è stato chiuso dalla procura: il Milan non è intenzionato a fare accordi

Emanuele Patacca
90min

​Dopo ​Milan-Lazio, ha fatto molto discutere la maglietta di Acerbi messa come esposizione e trofeo di guerra da Kessié e Bakayoko, centrocampisti rossoneri.

A parte le scuse, i giocatori poi si sono chiariti, ma la procura ha aperto un procedimento. Nessuna multa, nessuna squalifica. Come riporta Tuttosport, in 48 ore, è stata chiusa l'indagine e il giudice sportivo ha "salvato" i giocatori.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Ora si apre la fase che contempla il possibile patteggiamento di Bakayoko e Kessié prima del procedimento vero e proprio davanti al Tribunale Federale Nazionale.

Da Casa Milan filtra stupore, ma soprattutto, la società ha fatto sapere  che non ci saranno accordi su una richiesta di squalifica o in caso di multa pesante. Una vicenda che ha fatto clamore e poteva essere evitata, soprattutto in un periodo dove il Milan in campo si sta giocando l'accesso in Champions League e fuori è monitorato attentamente dall'Uefa.

Da oggi 90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A!

Potrebbe interessarti anche...