Il Covid spaventa il calcio italiano: non solo Juve-Napoli a rischio rinvio. Le Asl attendono nuovi tamponi

·2 minuto per la lettura

Il Covid-19 spaventa il calcio italiano. Sono saliti a i 50 contagi soltanto tra i calciatori e la situazione è in peggioramento, motivo per il quale non è da escludere il rinvio di alcune partite o, addirittura, della prossima giornata di Serie A. Al momento è solo un'ipotesi, ma è chiaro che la situazione va monitorata. Oggi si decide sullo spostamento della Supercoppa italiana in programma il 12 gennaio tra l'Inter, vincitrice del campionato, e la Juventus che nella scorsa stagione ha conquistato la Coppa Italia. ​Il problema - non da poco - è trovare una data libera nella quale giocare il match, un ostacolo che si presenterebbe anche in caso di slittamento della prima giornata di A del 2022, in programma il 6 gennaio.

LEGGI ANCHE: Messi positivo al covid

LEGGI ANCHE: Juve, Chiellini positivo al Covid: il comunicato

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Covid. Stadi e palazzetti, nuove regole per lo sport

JUVE-NAPOLI - Tutto è in divenire. Secondo quanto scrive oggi La Stampale Asl stanno facendo attenzione massima all'evoluzione della curva e in particolare l’Asl di Napoli attende l’esito di nuovi tamponi, mentre anche a Torino si è alzata l’attenzione. Questo anche perché in casa Juve, dopo il contagio di Chiellini, che si aggiunge a quelli di Arthur e Pinsoglio, c'è il rischio di un focolaio: oltre ai tre casi tra i big ieri è risultato positivo anche Israel che sarebbe stato convocato da Allegri in prima squadra. Il 21enne portiere uruguaiano fa parte del focolaio della Juve Under 23, dove ci sono altri 11 positivi. In casa azzurra rischiano di saltare la sfida di Torino per Covid ​Lozano ed Elmas, in attesa di capire la situazione di Petagna e Malcuit, in isolamento perché venuti a contatto con persone positive. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Svelata la statua di Ronaldo in India, un modello per i giovani

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli