Il ds del Cagliari Carli rivela: "Lo scorso gennaio il Napoli si superò per Barella"

Il ds del Cagliari Carli ha rivelato di aver ricevuto molte offerte per Barella: "L'Atletico Madrid si sarebbe svenato e Sarri lo voleva al Chelsea".
Il ds del Cagliari Carli ha rivelato di aver ricevuto molte offerte per Barella: "L'Atletico Madrid si sarebbe svenato e Sarri lo voleva al Chelsea".

Uno dei migliori prospetti del calcio italiano è Nicolò Barella, che l'Inter è riuscito ad assicurarsi in estate con un prestito con obbligo di riscatto fissato a 37 milioni di euro più bonus dal Cagliari. 

La corsa per il centrocampista italiano classe '97 era davvero agguerrita, come ha rivelato il direttore sportivo cagliaritano Marcello Carli in una lunga intervista rilasciata al 'Corriere dello Sport'. Carli nell'intervista ha svelato dei retroscena sulla cessione di Barella, con Napoli Atletico Madrid che sarebbero stati disposti a follie per il centrocampista nerazzuro ma il presidente Giulini non avrebbe voluto venderlo.

"Tommaso ha tenuto duro per Nicolò, non avrebbe voluto cederlo se non alle sue condizioni. Ma rinviava, rinviava, girava e prendeva tempo. Un giorno lo convocò l’Atletico a Madrid, Berta su indicazione della sua proprietà si sarebbe svenato. Lui mi disse “Marcello fatti offrire la luna, tanto non lo cedo”. E così fu. Lo scorso gennaio il Napoli si superò, come l’Atletico. Giulini disse no. Il Chelsea avrebbe fatto di tutto e di più, Maurizio avrebbe voluto prenderlo malgrado il blocco del mercato".

Come ha dichiarato Carli, anche Maurizio Sarri sarebbe un grande estimatore di Barella e avrebbe fatto di tutto per acquistarlo. Le prestazioni del centrocampista azzurro con l'Inter stanno dimostrando che tutto l'interesse per lui era più che giustificato: con i nerazzurri Barella ha già collezionato 16 presenze fra Serie A e Champions League impreziosite anche da 2 reti. Carli, in ogni caso, è stupito dalla sua crescita.

"Io sono stupito da Barella. Che avesse forza e personalità, lo sapevamo. Ma che potesse andare meno di istinto e più di ragionamento per far risaltare le sue enormi qualità, non pensavamo così rapidamente. I meriti di Conte devono essere enormi".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...