Il "Gino Bartali" del Vaticano ai campionati del mondo di ciclismo

(Adnkronos) - Piccoli Gino Bartali crescono all’ombra del Cupolone. Per la prima volta ci sarà anche un ciclista di Athletica Vaticana-Vatican Cycling, domenica 25 settembre, al via della prova su strada élite dei Campionati del mondo di ciclismo a Wallongong in Australia. "Sarà Rien John Schuuruis, 40 anni, a pedalare per testimoniare i valori di fraternità e inclusione che sono propri del ciclismo e che hanno convinto l’Associazione polisportiva ufficiale vaticana a scendere in strada", annunciano gli atleti del Papa.

"La partecipazione di Rien Schuuruis - rimarca Athletica Vaticana - è una ‘prima volta’ di portata storica per la squadra ufficiale vaticana, per il ciclismo, per l’intero movimento sportivo e per la stessa Australia che ospiterà, nei prossimi anni, alcuni tra gli eventi più significativi che culmineranno con i Giochi olimpici di Brisbane nel 2032".

La piccola rappresentativa che sarà a Wallongong per i Campionati del mondo vivrà un’esperienza concreta di fraternità e solidarietà insieme a Caritas Australia, condividendo il programma con i First Australians (Kinchela boys home) e una iniziativa sportiva con i bambini. Ad accogliere la delegazione vaticana ci sarà l’arcivescovo di Sydney, monsignor Anthony Colin Fisher, e dal vescovo di Wollongong, monsignor Brian Mascord. Athletica Vaticana-Vatican Cycling parteciperà ai Campionati del mondo di ciclismo forte delle esperienze di fraternità sportive vissute, a giugno e luglio, a Malta per i Campionati di atletica leggera dei 18 Piccoli Stati d’Europa e a Oran in Algeria per i Giochi del Mediterraneo. In questa occasione Papa Francesco, in un messaggio, ha nominato Athletica Vaticana "ambasciatore del Papa" tra gli sportivi, proprio perché "testimonia concretamente, sulle strade e in mezzo alle gente, il volto solidale dello sport".