Il giovane atleta spagnolo ha fissato il record mondale di amore e dato valore alla parola "sport"

·1 minuto per la lettura
Erico Roldan con i compagni runner e la madre Silvia a Siviglia
Erico Roldan con i compagni runner e la madre Silvia a Siviglia

Il mondo è pieno di bella gente, gente come Eric Roldan, che vince la maratona spingendo la madre malata di sclerosi multipla in carrozzina, che ha fissato il record mondale di amore e che ha dato un nuovo significato alla parola sport. Il tempo di Eric e Silvia, come si chiama sua madre, è stato di 2 ore, 53 minuti e 28 secondi: tanti ce ne sono voluti per coprire tutti i 42 chilometri e 195 metri ed Eric ha spiegato a fine cimento: “Avevamo un sogno e lo abbiamo raggiunto”.

Vince la maratona spingendo la madre in carrozzina: il record dei record di Eric

Il suo a Barcellona è un record che va oltre i record, perché da tempo Roldan corre spingendo la carrozzina sulla quale sua madre è costretta a vivere da quando gli effetti della sclerosi multipla sono diventati sempre più micidiali e debilitanti.

Eric vince la maratona spingendo la madre in carrozzina e lancia un messaggio sulla sclerosi multipla

Attenzione: Eric e Silvia hanno fatto un tempo importante già in un contesto sportivo “ordinario”, ma quel che conta è il senso della corsa di Eric e la sensibilizzazione verso una malattia che colpì sua madre 17 anni fa. E la speranza è che anche questo tipo gioioso e commovente di visibilità figli atti concreti e dia un input alla alla ricerca per contrastare la patologia neuro degenerativa.

Silvia vince il Covid ed il figlio Eric Vince la maratona spingendo la madre in carrozzina

Il runner catalano ci aveva provato già a Siviglia a febbraio, riuscendo a solo a sfiorare quel primato mondiale. Ad agosto poi Silvia aveva contratto anche il Covid severo ma si era ripresa e a Barcellona ha battuto ogni record.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli