Il Gremio sogna Douglas Costa: la posizione di Juve e Bayern, tutti i dettagli

Nicola Balice
·2 minuto per la lettura

Che fine ha fatto Douglas Costa? Ma soprattutto, che fine farà? Il futuro del brasiliano con ogni probabilità non sarà più al Bayern Monaco. In extremis la Juve era riuscita a definire il prestito secco, poi però la stagione non si è sviluppata come sperato e il club tedesco ha di fatto già preso la decisione di non avviare alcun discorso per il riscatto. E pure alla Continassa resta la convinzione di non voler più puntare su Douglas Costa, talento cristallino ma protagonista di un triennio tra più ombre che luci e una serie infinita di infortuni. Così, quando ci si avvia all'ultimo anno di contratto, anche su di lui vanno portate a termine delle riflessioni importanti. L'ingaggio da 6 milioni netti rappresenta una zavorra significativa, a partire da luglio il peso a bilancio del brasiliano sarebbe ancora di circa 10 milioni. Cifre che a spanne andrebbero sostanzialmente a pareggiarsi nel caso in cui pure Douglas Costa, come possibile, dovesse iscriversi alla lunga e prestigiosa lista dei giocatori che hanno raggiunto una risoluzione consensuale del contratto con la Juve: solo negli ultimi 15 mesi si parla di Mario Mandzukic, Blaise Matuidi, Gonzalo Higuain e Sami Khedira.

SOGNO GREMIO – In tutto questo prende sempre più quota un'ipotesi, anche romantica. Quella di un ritorno di Douglas Costa al club dove è cresciuto e diventato grande: il Gremio. Certo, per trasformare in realtà questo ritorno servirebbe uno sforzo anche da parte sua. Perché nella migliore delle ipotesi il club brasiliano potrebbe concedergli uno stipendio comunque non poco inferiore a quello attuale, per quanto ci siano poi delle soluzioni alternative per far salire l'ingaggio magari attraverso a degli accordi diretti sul merchandising. E pure dal Gremio sono usciti allo scoperto, parlando apertamente della volontà di accoglierlo, magari in prestito o anche a titolo definitivo ovviamente se dovesse liberarsi dalla Juve. Già partita una clamorosa corsa contro il tempo per abbracciarlo prima della chiusura dell'attuale finestra di mercato che si è aperta il primo marzo e si chiuderà il 23 maggio: il Bayern non si dovrebbe opporre, servirebbe un accordo più o meno lampo con la Juve. Difficile, non impossibile. Soprattutto potrebbe convenire a tutti.