Il Milan osserva Beto: c'è un retroscena con Ibrahimovic

·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Sette gol in quindici presenze alla sua prima stagione con la maglia dell’Udinese. Beto sta impressionando tutti, nessuno poteva immaginarsi un impatto così devastante di questo centravanti di ben 194 cm. Rapido e scaltro, fisicamente non lo butti giù nemmeno con una cannonata, approccio sempre positivo dentro e fuori dal campo. Lo volevano Benfica, Sporting Lisbona e Porto ma alla fine ha scelto di lasciare la Portimonense per provare un’esperienza, a sua dire, irripetibile. L’ennesima intuizione vincente della famiglia Pozzo che per riscattarlo dovrà versare una cifra tra 10 e i 13 milioni. Una pura formalità considerando che ora Beto vale almeno due volte tanto e ha già la fila di estimatori molto nutrita tra Italia e Inghilterra.

IL MILAN OSSERVA - “Ero emozionato perché ho giocato contro Ibrahimovic”, ha rivelato Beto al termine della gara tra la sua Udinese e il Milan. “Lui però mi ha subito detto che sono forte e che devo continuare così. Al che non ho potuto fare altro che rispondere ‘grazie, questo momento è un sogno per me'”. E chissà che in futuro il sogno possa diventare realtà, giocando uno di fianco all’altro. Perché il Milan è rimasto impressionato dalle qualità di questo centravanti che compirà 25 anni tra un mese e mezzo. L’unico ad aver messo seriamente difficoltà un difensore forte come Tomori. I rossoneri seguiranno Beto per tutto il resto della stagione prima di decidere se presentare un’offerta all’Udinese nella prossima sessione estiva di calciomercato. Così come stanno facendo da diverse settimane sia l’Inter che l’Atalanta.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli