Il Milan riaccende la speranza Scudetto: Calhanoglu firma il 3-2. Gelo Fiorentina

Alessio Eremita
·2 minuto per la lettura

La sconfitta contro il Napoli e l'eliminazione dall'Europa League sono ormai un lontano ricordo. Il Milan soffre e strappa tre punti pesanti in casa della Fiorentina: il posticipo della 28ª giornata di Serie A termina 3-2 in favore dei rossoneri. La squadra di Pioli si porta così a -6 dall'Inter (che ha una partita in meno), tenendo vivo il sogno Scudetto e compiendo un passo importante verso la qualificazione alla prossima Champions League. I viola continuano invece a guardarsi le spalle: le vittorie di Spezia e Benevento alimentano la preoccupazione nello spogliatoio.

Fiorentina-Milan: il primo tempo

Fiorentina-Milan | Gabriele Maltinti/Getty Images
Fiorentina-Milan | Gabriele Maltinti/Getty Images

Primo tempo vivace tra due squadre che giocano a viso aperto alla ricerca della supremazia territoriale. Bastano solamente nove minuti al Milan per sbloccare il risultato e portarsi avanti grazie alla rete di Ibrahimovic, abile a non superare la linea del fuorigioco sul passaggio di Kjaer e battere con freddezza Dragowski. Nemmeno il tempo di festeggiare, perché al 17' la Fiorentina agguanta il pareggio con Pulgar: il centrocampista viola disegna una traiettoria beffarda per Donnarumma, che ci mette del suo facendosi trovare impreparato nell'intervento. Da lì in poi, due traverse. Una colpita da Pezzella al 29' con un pregevole colpo di tacco; l'altra al 35' dal solito Ibra, il cui pallonetto sbatte sul legno.

Fiorentina-Milan: il secondo tempo

Fiorentina-Milan | Gabriele Maltinti/Getty Images
Fiorentina-Milan | Gabriele Maltinti/Getty Images

Il ritorno in campo è favorevole alla Fiorentina, che alla prima occasione completa la rimonta. Minuto 51: cross dalla destra di Eysseric, Vlahovic addomestica il pallone e lo appoggia per il mancino fatato di Ribery. Donnarumma non vede partire la conclusione. La trama è la stessa, seppur a parti invertire, perché al 56' il Milan pareggia immediatamente i conti con il tap-in vincente di Brahim Diaz, svelto nel ribadire in rete una deviazione con la schiena da parte di Kjaer.

Calhanoglu festeggia la rete del definitivo 3-2 | TIZIANA FABI/Getty Images
Calhanoglu festeggia la rete del definitivo 3-2 | TIZIANA FABI/Getty Images

L'episodio decisivo scaturisce al 72', quando il neo entrato Calhanoglu sigla il gol del definitivo 3-2 rossonero: break di Tomori, Kessié apre sulla sinistra e il centrocampista turco calcia al volo infilando Terracciano (sostituto dell'infortunato Dragowski) sul palo più lontano. Cala il sipario sul Franchi.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.