Il Milan ritrova Florenzi: l'esempio Dalot e quella promessa a Maldini...

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Ripartire, per non fermarsi più. Alessandro Florenzi è tornato a disposizione di Pioli, la lesione parziale del menisco mediale del ginocchio sinistro, che l'ha obbligato a finire sotto i ferri a inizio ottobre, è un lontano ricordo, l'esterno romano è pronto a riprendersi il Milan, a partire dalla sfida di sabato prossimo contro la Fiorentina. Una buona notizia per il tecnico rossonero, che nelle ultime uscite ha dovuto fare di necessità virtù, obbligando Calabria e Saelemaekers agli straordinari. Su e giù sulla fascia, senza possibilità di prendere fiato, i due titolari del Milan sono arrivati alla terza pausa per le nazionali con il fiatone. E di fatto al limite.

DELUDENTE - Per il tipo di calcio dispendioso che propone Pioli, serve lucidità, il ritorno dell'ex giocatore di Valencia e Paris Saint-Germain è sicuramente una buona notizia, perché il Milan ritrova un'alternativa sia per il ruolo di terzino sia per quello di esterno alto. Florenzi è pronto a dire la sua ma sa che deve fare meglio. L'impatto con la realtà rossonera non è stato dei migliori, non solo in termini di numeri (7 partite giocate tra campionato e Champions League, per un totale di 215' giocati), quando impiegato non ha sempre convinto. Un dejà-vu per il Milan, che l'anno scorso dovette aspettare diverse settimane per vedere il vero Dalot.

TUTTO PER IL MILAN - Il tempo c'è, le occasioni non mancheranno, da sabato 20 novembre a mercoledì 22 dicembre il Milan giocherà 9 partite, per consolidare il primo posto in campionato e per provare a centrare la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League. Florenzi avrà l'occasione per lasciare il segno, per portare la sua esperienza, per mantenere la promessa fatta a Maldini. Dare tutto per il Milan, che l'ha voluto fortemente, per il quale ha rinunciato anche a ​400 mila euro lordi che doveva percepire dalla Roma. Almeno fino a giugno, quando il club rossonero deciderà se pagare 4,5 milioni di euro alla Roma per il riscatto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli