Il Milan si interroga sul futuro di Caldara e Conti: possibile epilogo comune

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

Il Milan si interroga sul futuro di Andrea Conti e Mattia Caldara, due difensori di proprietà rossonera e ceduti in prestito con riscatto, rispettivamente al Parma e all'Atalanta. Al momento i due potrebbero avere un destino simile.

Il Corriere dello Sport in edicola quest'oggi fa il punto sulla situazione dei due giocatori, ceduti entrambi in prestito con diritto di riscatto. Conti è quello dei due che ha trovato maggiore continuità, avendo giocato 8 partite su 11 da titolare a Parma.

Andrea Conti | Alessandro Sabattini/Getty Images
Andrea Conti | Alessandro Sabattini/Getty Images

Il problema per il terzino destro è legato al riscatto: nell'accordo è stato inserito un obbligo di riscatto che scatta solo in casa di salvezza del Parma. Un'ipotesi, al momento, piuttosto difficile vista la situazione di classifica che vede i ducali al penultimo posto, ma comunque ancora in gioco (il Torino ha 4 punti in più e una partita in meno). Discorso diverso quello di Caldara che, a giugno, termina il prestito di 18 mesi. Il difensore ha un diritto di riscatto da 16 milioni. Il centrale però ha deluso le attese, ha giocato poco a Bergamo (solo 8 presenze) e al momento l'ipotesi di conferma all'Atalanta sembra essere remota.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.