Il ministro fa autocritica: abbiamo preso misure efficaci ma non sufficienti

·2 minuto per la lettura
L’immunologa Viola: ecco le mie alternative alle misure del governo
L’immunologa Viola: ecco le mie alternative alle misure del governo

“Cosa fare (per chi mi dice che non c’erano alternative)”. Antonella Viola, immunologa dell’università di Padova, intitola così un post su Facebook in cui indica una serie di misure per frenare la corsa dell’epidemia di Covid-19. Dopo avere espresso contrarietà alla chiusura di bar e ristoranti alle 18, prevista dal nuovo Dpcm – “not in my name”, aveva scritto sempre su Fb – la scienziata illustra le sue proposte punto per punto. Prima voce, “problema scuola-trasporti. Subito: prime 3 classi delle superiori lezioni in presenza con ingressi sfalsati. Ultimi 2 anni Dad”, didattica a distanza, al ” 75%. Nelle prossime settimane: trovare nuovi mezzi e personale per far tornare tutti in presenza”.

Secondo punto, “chiusure. Subito: identificare attraverso i dati di tracciamento raccolti tra maggio e la prima settimana di ottobre i luoghi a maggior rischio di contagio. Chiudere solo quelli (per esempio, se salta fuori che nei cinema non ci sono stati contagi, perché chiuderli?). Nelle prossime settimane: adeguare i locali o le regole per permettere le riaperture”. Terzo, questione “contagi. Subito: Dad per università. No sport da contatto. Lavoro agile per chiunque non sia necessario sul posto di lavoro. No cerimonie religiose. No sport invernali. Chiare indicazioni per gli anziani e le persone con patologie (devono vedere il minor numero di persone possibile e sempre con mascherina per tutti, quindi niente pranzi, caffè o qualunque occasione in cui non si tenga la mascherina). Se ristoranti aperti (vedere sopra), massimo 4 persone al tavolo (a meno che non siano un unico nucleo familiare). Mascherina obbligatoria sempre dalle scuole medie. Nelle prossime settimane: far arrivare i test rapidi in ospedali, Rsa, scuole, fabbriche. Assumere personale per il tracciamento. Aumentare posti letto in ospedale e assumere personale sanitario (questo è l’unico punto che in realtà non è fattibile in poche settimane)”.

Pandemia, Spadafora fa autocritica: le misure per prevenire la seconda ondata non hanno prodotto gli effetti attesi

“Abbiamo vissuto una prima fase in cui abbiamo avuto il coraggio di prendere decisioni drastiche che ci hanno salvato, anche rispetto ad altri Paesi. Purtroppo oggi, è una critica che va anche a me stesso, le misure pensate durante l’estate per prevenire questa seconda ondata, misure prese come sistema Paese, Governo, regioni e una parte di cittadini, non hanno prodotto gli effetti che aspettavamo. Questo è un dato. I due casi più emblematici sono il sistema dei trasporti locali e la tenuta del sistema sanitario”. Lo ha affermato il ministro delle Politiche giovanili e dello sport Vincenzo Spadafora, ospite a Che tempo che fa su Rai3. “Va detto anche che altri Paesi che noi guardiamo come modelli di efficienza massima, oggi stanno nella nostra situazione se non peggio. Come Governo dobbiamo fare autocritica, dovevamo immaginare misure con effetti diversi. Non è avvenuto perché stiamo combattendo un nemico che stiamo imparando a conoscere giorno dopo giorno” ha aggiunto Spadafora.