Il mondo del pugilato è in lutto per questa prematura scomparsa.

·1 minuto per la lettura
morta pugile dopo incontro
morta pugile dopo incontro

È morta nel pomeriggio di giovedì 3 settembre la puglie 18enne messicana Jeanette Zacarias Zapata che da 5 giorni era in coma dopo il K.O. ricevuto nel suo ultimo incontro. I talti colpi ricevuti nel match tenutosi lo scorso 28 agosto a Montreal contro la canadese Marie Pier Houle avevano portato l’atleta messicana ad avere delle convulsioni alla fine del quarto round.

Morta pugile 18enne dopo un incontro

Una serie di colpi veloci, un montante sinistro e poi un gancio destro, che avevano costretto la pugile ad appoggiarsi alle corde prima di essere presa da forti convulsioni. In quell’occasione il marito e allenatore Jovanni Martinez l’aveva fatta stendere a terra, agevolando così l’intervento della squadra medica. La Zapata era stata poi trasportata in ospedale priva di sensi e li i medici avevano deciso di indurla in coma, ma a nulla purtroppo sono valsi i tentativi di salvarle la vita.

Morta la pugile messicana finita in coma dopo un incontro

A dare ufficialità alla notizia della morte della pugile messicana è stato il suo promoter, Yvon Michel che ha detto: “È con grande tristezza e sconforto che abbiamo appreso, da un rappresentante della sua famiglia, che Jeanette Zacarias Zapata è scomparsa questo pomeriggio alle 15.45”.

Morta pugile dopo l’ incontro

Anche l’avvesaria di Jeanette Zacarias Zapata, Marie Pier Houle ha rilasciato delle dichiarazioni a seguito della brutta notizia. “La boxe – ha scritto su Facebook – comporta molti rischi e pericoli. Questo è il nostro lavoro, la nostra passione. Mai e poi mai l’intenzione di ferire seriamente un avversario ha fatto parte dei miei piani”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli