Il Napoli lavora per Emerson, con due ostacoli: la situazione

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Per il Napoli al lavoro nel ritiro precampionato di Dimaro Folgarida con Luciano Spalletti, sul fronte mercato, resta sempre di attualità il nome di Emerson Palmieri. Lo ha ribadito a suo modo il tecnico di Certaldo, che ha spiegato in conferenza stampa "Aspettiamo un pochino per vedere cosa sarà di Ghoulam (sta recuperando dall'ennesima rottura dei legamenti, ndr). Sta procedendo tutto bene, altrimenti serve un terzino sinistro". E con un contratto a cifre altissime il franco-algerino rappresenta un patrimonio che non può essere dilapidato, sia tecnicamente che economicamente.

Emerson Palmieri | Marcio Machado/Getty Images
Emerson Palmieri | Marcio Machado/Getty Images

Resta così il dilemma sulla fascia sinistra azzurra, con Mario Rui - che il club avrebbe ceduto volentieri - che ha rifiutato le avance del Galatasaray dicendosi pronto ad accettare anche un ruolo da riserva. Tornando al discorso Emerson, prima scelta di Spalletti che lo ha lanciato ai tempi della Roma, l'ostacolo è rappresentato dal fatto che a sinistra la fascia è abbastanza affollata, con De Laurentiis e Giuntoli che ora prendono tempo. Ad ogni modo Emerson ha già manifestato con chiarezza la sua volontà, spiegando al Chelsea di volere la cessione, ma solo in Serie A. Emerge quindi il secondo intoppo, rivelato da calciomercato.com: il patron De Laurentiis, vista la situazione, non vorrebbe investire una cifra troppo alta. Ecco spiegata la distanza tra l'offerta da 10 milioni di euro e la richiesta, doppia, del Chelsea.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli