Il Napoli ritrova Osimhen, il piano per tornare in forma e la gestione di Mertens: la scelta di Spalletti

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"Avere Osimhen ci dà serenità" ha detto Luciano Spalletti dopo il 2-0 sul Bologna. Basta questo per capire l'importanza di Victor nel Napoli. Ieri sera prima hanno chiuso la partita con una doppietta di Lozano, poi l'allenatore ha mandato in campo l'attaccante nigeriano che non giocava dal 21 novembre 2020 contro l'Inter. Le fratture scomposte a zigomo e orbita sinistra l'hanno messo ko per due mesi, ma ora è tornato ed è l'arma in più degli azzurri per la corsa allo scudetto.

IL RITORNO - Victor è entrato negli ultimi venti minuti del Dall'Ara al posto di Mertens, con tanto di maschera protettiva per anticipare il rientro che inizialmente era previsto tra un mese. 57 giorni dopo l'infortunio, invece, eccolo lì, di nuovo in campo. Ora però ha bisogno di giocare per trovare la forma migliore: il calendario può aiutare l'attaccante, il Napoli nella prossima giornata affronterà la Salernitana - una partita non impossibile sulla carta - e poi ci sarà la sosta durante la quale Osimhen lavorerà a testa bassa per tornare in condizione in vista della gara col Venezia il 6 febbraio.

IL CAMBIO DI GIOCO - Il ritorno di Victor arriva nel momento giusto, proprio quando da Dries Mertens arrivano i primi segnali di stanchezza dopo cinque partite di fila da titolare (compresi i 120 minuti in Coppa Italia contro la Fiorentina). Se potesse le giocherebbe tutte, ma ora è arrivato anche per lui il momento di rifiatare. Col recupero del nigeriano Spalletti ha di nuovo un'alternativa al gioco stretto con la punta che viene incontro: Osimhen ha caratteristiche diverse dalle altre punte, attacca la profondità e già ieri col Bologna ha provato una prima fiammata inserendosi nello spazio e sfiorando il gol.

PRIMA E DOPO - Osimhen fa rima con gol, per il Napoli. Senza considerare la partita del Dall'Ara, prima dell'infortunio la squadra aveva segnato 33 gol in 16 partite tra campionato ed Europa League, senza l'ex Lille il numero delle reti scende a 18 in 11 gare. Spalletti sorride e riabbraccia il suo bomber, Osimhen è tornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli