Il noto marciatore non potrà riprendere a gareggiare dopo il caso doping

·1 minuto per la lettura
Schwazer World Athletics
Schwazer World Athletics

Nonostante il tribunale di Bolzano abbia assolto Alex Schwazer dal caso doping decretando che quattro anni fa il marciatore non assunse sostanze dopanti, la World Athletics è rimasta ferma sulle sue precedenti decisioni dichiarando che l’atleta altoatesino non potrà partecipare alle gare internazionali fino al 2024. Alla World Athletics si è aggiunta l’agenzia mondiale antidoping wada che con un tweet ha ribadito che a fronte di quanto deciso dal tribunale italiano, potrebbe arrivare a intraprendere tra le varie opzioni, azioni legali.

Schwazer, stop da World Athletics

Il caso Schwazer nonostante l’assoluzione da parte del tribunale di Bolzano non può definirsi ancora chiuso. Lo stop è arrivato dalla World Athletics, l’autorità internazionale dell’atletica che ha ribadito che: “preferisce non commentare la decisione delle Autorità’ Italiane di non perseguire l’atleta per il crimine di doping. Questa è una questione di legge nazionale. In tutti i casi, rifiutiamo in modo risoluto qualsiasi intento da parte dell’atleta o qualsiasi altra persona di minare o annullare la decisione finale e vincolante del Tribunale Arbitrale dello Sport (Tas), sulla base di quelle che possono essere descritte solo come teorie di manipolazione inverosimili”.

Un no ancora più secco è arrivato dall’agenzia antidoping Wada che in un tweet ha scritto: “Wada è inorridita dalle numerose accuse prive di fondamento“. Nel corso del dibattito Wada ha fornito prove schiaccianti corroborate da esperti indipendenti che il giudice ha rigettato in favore di teorie prive di sostanza”.