Il pari col Genoa sta stretto a Inzaghi: "Lazio penalizzata dall'arbitraggio"

La Lazio ha confermato ufficialmente il prolungamento di contratto di Simone Inzaghi: il tecnico rimarrà a Roma per altre tre stagioni.

E' un 2-2 che non soddisfa Simone Inzaghi il pareggio ottenuto dalla Lazio in casa del Genoa. La squadra biancoceleste è riuscita a rimontare per due volte lo svantaggio, ma il tecnico capitolino ha di che recriminare su alcune decisioni arbitrali che non hanno arriso alla sua squadra.

"Non sono contento - ha affermato Inzaghi ai microfoni di 'Premium Sport' - anche se abbiamo fatto una buona partita contro un avversario non agevole. Potrei essere felice della doppia rimonta ma non lo sono, perché abbiamo fatto un buon calcio ma c'è stata poca cattiveria in zona goal".

Un po' più di fortuna con alcune decisioni arbitrali la Lazio avrebbe potuto vincere, secondo il suo allenatore... "Gli errori capitano e stasera la Lazio è stata penalizzata - ha proseguito Inzaghi - Su Parolo era rigore e rosso, su Keita, quando sono stato allontanato, era rigore. Ma con più cattiveria avremmo vinto comunque. Io sono contento della mia squadra, ma senza dubbio siamo stati penalizzati oltremodo dall'arbitraggio. Mai come quest'anno".

Una vittoria mancata insomma, questo il pensiero di Inzaghi... "Se a Cagliari il pareggio era giusto, oggi meritavamo invece di vincere - ha detto ancora il mister biancoceleste - Il Genoa ha dato tutto, ma da parte nostra sono due punti persi, anche se il pareggio non cambia di tanto la nostra classifica".

Un pensiero, poi, per il fratello Filippo che con il suo Venezia è ad un passo dalla promozione in Serie B... "Faccio i complimenti a Pippo - ha detto Inzaghi - che con i suoi ragazzi sta raggiungendo un traguardo importantissimo per la città di Venezia".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità