Il piano della Lega Serie A per far tornare i tifosi negli stadi

·1 minuto per la lettura

Ci eravamo tristemente abituati agli stadi vuoti dopo più di un anno di pandemia, ma l'arrivo dei vaccini anti-Covid ha migliorato la situazione e permesso un minimo ritorno dei tifosi negli impianti (non più di 1000). Un numero aumentato sensibilmente in vista di Euro 2020 e delle gare che Roma e lo Stadio Olimpico ospiteranno a partire da questa sera con Turchia-Italia, quando saranno circa 15mila gli spettatori ammessi.

Paolo Dal Pino, presidente Lega Serie A | Marco Rosi/Getty Images
Paolo Dal Pino, presidente Lega Serie A | Marco Rosi/Getty Images

E in questo senso la Lega Serie A sta lavorando in vista del prossimo campionato con l'obiettivo di eliminare tutte le restrizioni e cominciare la stagione 2021-22 con gli impianti aperti e quasi pieni. E secondo quanto rivelato da Repubblica lo ha fatto con una lettera inviata al segretario generale della Figc Marco Brunelli, chiedendo di riaprire gli stadi ai tifosi senza limitazioni o percentuali di capienza. Al momento, però, questa sembra un'utopia, visto che il Governo è intenzionato a proseguire con la consueta gradualità: nelle prime due giornate ad agosto la capienza dovrebbe arrivare a quota 25-30%, ma l'obiettivo della Lega Serie A è quello di avere già a settembre almeno il 50% dei tifosi sugli spalti. E l'Europeo, in questo senso, sarà un importante banco di prova per la riapertura degli impianti.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli