Il rinnovo di Insigne con il Napoli resta bloccato: l'ultimo summit ai tempi di Mino Raiola

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

Quale sarà il futuro di Lorenzo Insigne? Come accade ormai da diverso tempo, il capitano del Napoli si trova spesso e volentieri al centro dei discorsi di mercato legati al rinnovo di contratto, attualmente in scadenza il 20 giugno 2022 e che obbliga quindi a fare delle valutazioni. Il giocatore è apprezzato da diversi club e in caso di mancato prolungamento potrebbe arrivare un assalto da chi fiuta il colpo a prezzo di saldo.

Lorenzo Insigne | Claudio Villa/Getty Images
Lorenzo Insigne | Claudio Villa/Getty Images

Intanto, nel corso de ‘La Domenica Sportiva’ in onda sulle reti Rai, il giornalista Ciro Venerato ha parlato della questione illustrando i possibili scenari: “L’ultimo vertice per il rinnovo naufragò quando Mino Raiola era l’agente di Insigne. De Laurentiis, appoggiato da Ancelotti, offrì un contratto di 3,5 per 4 anni allo scugnizzo, quasi una provocazione: meno soldi e ingaggio spalmato. Insigne la pensa in tutt’altro modo e punta a migliorare l’ingaggio, oggi vicino ai 5mln netti. Sarà dura trovare una sintesi tra domanda e offerta, soprattutto senza Champions, introiti fondamentali per il bilancio partenopeo” ipotizza Venerato. Per conoscere il futuro non resta che attendere.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Napoli e della Serie A.