Il rossonero è tornato di moda: da Ilicic a James, tutti vogliono il Milan. Maldini valuta i colpi sulla trequarti

·4 minuto per la lettura

È tornato, almeno in parte, il vecchio Milan: quel club che inizia il campionato per arrivare nelle prime posizioni e che gioca la Champions, quel club dall’appeal internazionale, dove tutti vogliono giocare. Lo testimoniano la grande voglia di conferma di Tomori, Brahim Diaz e Dalot, l’acquisto di un attaccante come Giroud e i tanti assist, metaforicamente si intende, forniti dai numerosi profili che Maldini sta seguendo per sostituire Calhanoglu, partito in direzione Inter: Ilicic, Vlasic e James, in un modo o nell’altro hanno già fatto sapere, chi pubblicamente e chi no, di voler cambiare aria e di gradire la destinazione rossonera.

ILICIC - "Josip ha manifestato la voglia di provare nuove esperienze a fine stagione, ha fatto la preparazione in modo straordinario. Sì sta preparando perché ha voglia di trovare una squadra che gli dia la possibilità di fare ancora qualcosa di importante" – ha dichiarato Gasperini dopo l’amichevole di ieri contro il Pordenone. L’Atalanta vuole 8 milioni, il Milan non vuole salire sopra ai 3, ma ha intenzione di tentare l’affondo verso la metà di agosto. Nelle idee di Maldini, comunque, Ilicic è più un esterno destro e il suo arrivo, legato anche alla partenza di Castillejo, non esclude quello di un trequartista puro.

JAMES RODRIGUEZ - "In che campionato mi piacerebbe giocare? Innanzitutto, dove mi vogliono. La Serie A sarebbe una buona opzione, però non so cosa succederà in futuro. Ho giocato in Portogallo, Spagna, Francia, Germania, qui in Inghilterra... Mi manca soltanto l'Italia. Sarebbe un record, non so quanti giocatori lo hanno fatto, credo pochi" – ha rivelato il colombiano sul suo canale Twitch. L’ex numero 10 del Real Madrid non rientra nei piani di Benitez, né l’Everton rientra nei suoi. Il suo prezzo si aggira attorno ai 6 milioni di euro, cifra sicuramente alla portata del Milan, per un giocatore che però negli ultimi anni ha avuto molti problemi fisici.

VLASIC - Le parole di Beresutski, allenatore del CSKA, sono un po’ più datate (20 luglio) rispetto a quelle di James e Gasperini, ma ugualmente emblematiche nel delineare la voglia del suo trequartista di cambiare aria: “tutti conoscono la situazione di Vlasic, Nikola ha detto molte volte che vuole cambiare club e giocare a un livello più alto. Questo è normale nel calcio". Anche il ventitreenne croato vuole il Milan e i rossoneri hanno già presentato un’offerta al club della capitale russa, che però è stata rimandata al mittente. Nel frattempo, è subentrato lo Zenit, che ha più disponibilità economica e sta trattando direttamente con il CSKA: la grande rivalità delle due tifoserie complica però l’affare. Qui può reinserirsi il Milan, che non ha intenzione di pagare la clausola da 35 milioni ma è disposto a investire su di lui una cifra importante, in prestito con diritto di riscatto.

IL PREFERITO – Chi non si è invece esposto è Hakim Ziyech, che però resta il preferito di Maldini e Massara, sia per la dimensione assoluta del giocatore, che per gli ottimi rapporti che hanno con la dirigenza del Chelsea. Il marocchino non è considerato fondamentale da Tuchel e può partire. Il Milan vorrebbe prenderlo in prestito con diritto di riscatto e controriscatto a cifre superiori a 25 milioni.

IL PROFILO – C’è una cosa, oltre alla voglia di vestire rossonero, che accomuna questi quattro giocatori: la loro duttilità tattica, seppur con caratteristiche diverse. Tre di loro, Ilicic, James e Ziyech, sono mancini, Vlasic è destro, ma tutti e quattro possono sia giocare nel ruolo di trequartista puro, dietro a Ibra o Giroud, sia partendo da destra per poi accentrarsi. L’idea potrebbe quindi essere proprio quella di prendere un giocatore che possa giocarsi il posto di titolare al centro con Brahim Diaz, ma anche che possa subentrare a Saelemaekers a partita in corso nel caso in cui la manovra necessitasse di maggior qualità e peso offensivo. Il Milan, però, non vuole svenarsi e ha in mente due tipi di operazione: o un investimento contenuto come nel caso di Ilicic e James (lo sloveno, come già detto, potrebbe non escludere un altro colpo), o un investimento importante, ma in prospettiva, in prestito con diritto di riscatto, come nel caso di Ziyech e Vlasic. Manca un mese alla fine del calciomercato, un mese di riflessioni a Casa Milan: una volta esaminate tutte le opportunità, si opterà per la miglior opzione per rapporto qualità/prezzo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli