Il TAS cancella la decisione dell'UEFA: Partizan riammesso nelle coppe

Inizialmente squalificato per tre anni per debiti, il Partizan è stato 'salvato' dal Tribunale di Losanna: il prossimo anno potrà tornare in Europa.

Inizialmente estromesso per tre anni dalle competizioni europee, il Partizan di Belgrado è stato riamesso: questa è la decisione del Tribunale Arbitrale Sportivo di Losanna, che ha così cancellato la decisione presa a gennaio dall'UEFA.

I serbi erano stati esclusi dalle prossime tre edizioni di Champions League o Europa League a causa dei debiti accumulati negli ultimi tempi e per aver disatteso alcuni obblighi: in particolare, il club non aveva versato alcuni contributi previdenziali e fiscali.

La decisione dell'UEFA, datata 11 gennaio, era stata presa a causa della recidività del Partizan, che già nel 2013 era stato squalificato per un anno dalle competizioni europee. Ma il club bianconero ha dimostrato al TAS di aver regolarizzato la propria posizione.

Attualmente secondo in campionato dietro alla Stella Rossa e pronto per disputare i playoff finali per il titolo, il Partizan si prepara dunque a tornare in Europa: lo scorso luglio era stato eliminato nei preliminari di Europa League dai polacchi dello Zaglebie Lubin.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità