Immobile aveva detto di sì al Napoli. Poi il dietrofront di De Laurentiis, il retroscena

Francesco Manno
·1 minuto per la lettura

Gianluca Lapadula, con il suo Benevento, sfiderà il Napoli. Eppure l'attaccante, solo qualche anno fa, è stato vicinissimo agli azzurri. Era l'estate del 2016. Dopo una lunga riflessione il bomber optò per il Milan. Il calciatore e il suo procurare ritenevano che in rossonero il giocatore avrebbe giocato con maggiore continuità. Niente contro il Napoli, ma la questione relativa ai diritti di immagine fu un altro ostacolo insormontabile nella corsa dei campani al centravanti.

Gianluca Lapadula | DeFodi Images/Getty Images
Gianluca Lapadula | DeFodi Images/Getty Images

Aurelio De Laurentiis non prese bene la decisione di Gianluca Lapadula. Il presidente azzurro - sempre nel 2016 - aveva la possibilità di acquistare Ciro Immobile per una cifra pari a circa cinque milioni. Quando l'affare sembrava ormai fatto, l'imprenditore cinematografico si tirò indietro. Il motivo? L'agente di Immobile era Alessandro Moggi, lo stesso di Gianluca Lapadula. Fu una sorta di vendetta del patron campano nei confronti del procuratore.

Ciro Immobile | MB Media/Getty Images
Ciro Immobile | MB Media/Getty Images

Ciro Immobile, come appreso in esclusiva dalla redazione di 90min Italia, avrebbe detto di sì senza pensarci troppo al Napoli. L'attaccante è ancora molto legato alla sua città e, in quel periodo, sarebbe arrivato in Campania anche qualora fosse rimasto Higuain. Le strade di Ciro e degli azzurri, tuttavia, non si sono incrociate. Ora Immobile sta benissimo alla Lazio ed è felice a Roma.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Napoli e della Serie A.