Immunità naturale e del vaccino: quanto durano? Parla Garattini

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Immunità naturale e del vaccino: quanto durano? Parla Garattini (Getty)
Immunità naturale e del vaccino: quanto durano? Parla Garattini (Getty)

Mentre continua la campagna vaccinale in Italia, sono in molti a chiedersi che differenza ci sia tra l'immunità acquisita "naturalmente" dopo la guarigione dal coronavirus e quella che si può ottenere tramite la vaccinazione. Una risposta è arrivata da Silvio Garattini, presidente dell'Istituto Mario Negri, ai microfoni di Cusano Italia Tv.

"L'immunità naturale dura 9 mesi, questo il risultato dell'ultimo studio che è uscito. Quanto dura quella del vaccino non lo sappiamo, lo sapremo più avanti", ha chiarito. C'è uno studio - ha poi aggiunto il farmacologo - in cui si vede che se si fa il vaccino a soggetti che hanno avuto il Covid, la somministrazione del vaccino aumenta questi anticorpi".

LEGGI ANCHE - Covid, quanto dura l'immunità dei guariti: nuova scoperta

GUARDA ANCHE - Caos vaccini in Lombardia, la decisione di Fontana

“I benefici del vaccino - ha precisato Garattini - sono straordinariamente superiori ai danni che ci sono, ma che sono di natura minore rispetto ai grandi benefici che abbiamo attraverso il vaccino. È molto difficile distinguere tra i vari vaccini perché non ci sono i dati, ogni vaccino è stato studiato per suo conto contro il placebo, ma è stato studiato su popolazioni diverse, quindi non possiamo dire qual è meglio e qual è peggio perché i risultati non sono comparabili".

"Fare il vaccino è meglio che non fare niente - ha aggiunto - non dimentichiamoci che dove è stato fatto, in Israele, in Gran Bretagna, sono diminuiti i contagi, i malati e i morti. Il problema non è discutere qual è il vaccino migliore, ma il fatto che i vaccini non ci sono. Tutte le volte ci dicono che manderanno un tot di dosi, poi alla fine ne arrivano la metà o meno della metà. Dovevamo produrli noi, però non l’abbiamo fatto e adesso paghiamo un prezzo in termini di vite umane”.

Sulla vaccinazione con una dose ritardando la seconda, Garattini ha detto: “L’idea di vaccinare tutti con una sola dose e rimandare la seconda va bene se abbiamo tanti vaccini, ma se ne abbiamo pochi non cambia gran che. In Gran Bretagna hanno vaccinato tutti con una dose perché i vaccini li avevano e adesso faranno la seconda dose".

GUARDA ANCHE - Vaccino italiano ReiThera, quanto ha investito lo Stato?