Impianti sciistici, siglato il protocollo con le linee guida per riaprirli

·1 minuto per la lettura
Protocollo per riapertura impianti da sci
Protocollo per riapertura impianti da sci

La Federazione Italiana Sport Invernali, l’Associazione Nazionale Esercenti Funiviari, Federfuni, Amsi e Colnaz hanno firmato il protocollo per una riapertura in sicurezza degli impianti da sci: il testo prevede, tra le altre cose, l’obbligo di green pass e di mascherina negli spazi comuni.

Protocollo per riapertura impianti da sci

I protagonisti del settore hanno valutato che per poter accedere agli impianti di risalita sarà dunque necessario avere il certificato verde (non richiesto agli under 12) e favorire il più possibile la vendita online degli ski pass per evitare code e assembramenti agli ingressi.

Le seggiovie potranno raggiungere la capienza del 100%, che si ridurrà all’80% nel caso in cui ci sia la chiusura con le cupole paravento. Negli spazi comuni e sugli impianti, sia gli ospiti che il personale dovrà indossare la mascherina e all’interno delle aree sciistiche sarà necessario favorire il distanziamento sociale stabilendo dei percorsi, regolando i flussi e posizionando cartelli informativi in più lingue.

Protocollo per riapertura impianti da sci: sanificazione e ricambio d’aria

Le biglietterie dovranno dotarsi degli schermi protettivi e i gestori degli impianti dovranno garantire durante l’arco della giornata la pulizia e la sanificazione degli ambienti e delle aree in cui c’è più contatto. Dopo la chiusura, andranno disinfettati tutti gli ambienti, dai servizi igienici agli ambienti chiusi. Dove possibile, il protocollo raccomanda l’utilizzo di vinili antimicrobici e il ricambio d’aria negli ambienti chiusi anche durante la giornata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli