Indagine Juve sulle plusvalenze: la Procura FIGC chiede i nuovi atti ai pm

Il procuratore federale della Figc, Giuseppe Chinè, ha chiesto alla Procura della Repubblica di Torino di conoscere gli atti nuovi e finora mai trasmessigli, come le intercettazioni di conversazioni, che hanno portato agli avvisi di garanzia tra gli altri ad Andrea Agnelli e Pavel Nedved, nell’ambito dell’inchiesta sulle plusvalenze.

LA SENTENZA SPORTIVA - “Solo in presenza di atti nuovi e ritenuti decisivi per la revisione della decisione definitiva pronunciata dalla Corte di appello federale a sezioni Unite – si fa infatti notare in Figc -, il procuratore federale potrebbe decidere di impugnare per revocazione” la sentenza sportiva.