Infortuni Zaniolo e Demiral, è polemica su condizioni campo

webinfo@adnkronos.com

I gravi infortuni di Nicolò Zaniolo e Merih Demiral durante Roma-Juventus, giocata domenica sera, sollevano dubbi sulla condizione del terreno di gioco dello stadio Olimpico. Le polemiche seguite ai due episodi avvenuti nella stessa gara sono soprattutto legate alla decisione di far giocare Lazio e Roma in casa nello stesso turno di campionato e a circa 24 ore di distanza l'una dall'altra. Sabato infatti l'impianto capitolino aveva ospitato il match tra i biancocelesti e il Napoli. Da qui il dubbio che sul doppio infortunio possano avere influito le non perfette condizioni del campo.  

Di questo ha parlato anche il romanista Diego Perotti in zona mista dopo il match perso contro la Juventus. "L'Olimpico secondo me non è un campo all'altezza della Serie A", ha detto senza giri di parole il giocatore argentino soffermandosi sui due infortuni. "In tutte le partite c'è sempre qualche buca -ha aggiunto-, non è un buon campo". Ma perché la consueta alternanza nelle partite di due squadre della stessa città stavolta non c'è stata? Per capirlo bisogna tornare allo scorso aprile, quando la Figc ha portato all'attenzione della Lega Serie A il problema della consegna dello stadio Olimpico alla Uefa in vista degli Europei 2020, che scatteranno proprio dalla Capitale il 12 giugno con la partita inaugurale tra l'Italia e la Turchia. In base all'accordo con la Uefa lo stadio dovrà essere liberato al massimo il 18 maggio. Per questo, dopo l'appello del presidente federale Gabriele Gravina, la Lega Serie A decise di modificare il calendario facendo giocare Roma e Lazio in trasferta nell'ultimo turno di campionato previsto il 24 maggio.  

Di conseguenza nell'ultimo turno del girone di andata la sfida dei biancocelesti contro il Napoli e quella dei giallorossi contro la Juventus si sono disputate entrambe all'Olimpico. Una possibile soluzione alternativa (che era stata sponsorizzata anche dal ct azzurro Roberto Mancini per avere più tempo in vista dell'Europeo) sarebbe stata quella di anticipare di una settimana la chiusura del campionato. La Lega Serie A ha però preferito puntare sul doppio turno in trasferta per Roma e Lazio il 24 maggio, una circostanza che non si verificava da oltre trent'anni.  

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...