Inizia il match, ma il pugile se ne va via

Yahoo Sports IT

Entrerà nella storia come l’incontro di pugilato più veloce al mondo, come la sfida di boxe dove non è stato tirato neanche un pugno. Fa discutere quello che è successo l’altra sera alla Minneapolis Armory, dove sul ring erano saliti il nigeriano Efe Ajagba e l’americano Curtis Harper per una sfida dei pesi massimi.

I due pugili salgono sul ring, il pubblico è pronto per la sfida, si attende solo il gong del primo round. Ma quando il gong arriva, ecco la sorpresa. Mentre Ajagba inizia ad avviarsi verso il centro del ring, ecco che Curtis Harper si gira, alza le corde, esce dal quadrato e torna negli spogliatoi. Match perso e sbigottimento nel palazzetto.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

“Aspetta, cosa sta succedendo? Non l’ho mai visto prima. È uscito dal ring. Non sta combattendo contro questo ragazzo. Non l’ho mai visto prima nella mia vita e i fan sono davvero sconvolti” dice uno dei due commentatori che non crede a quello che vede. Ma perché Curtis Harper si è rifiutato di combattere? Per colpa dei soldi.

Fa discutere quello che è successo l’altra sera alla Minneapolis Armory, dove sul ring erano saliti il nigeriano Efe Ajagba e l’americano Curtis Harper.
Fa discutere quello che è successo l’altra sera alla Minneapolis Armory, dove sul ring erano saliti il nigeriano Efe Ajagba e l’americano Curtis Harper.

Jordan Hardy, giornalista della Premier Boxing Champions, ha twittato poco dopo il forfait “E’ uscito dal ring perché non veniva pagato abbastanza per combattere e lui vuole rispetto” ha scritto la Hardy. Una motivazione, però, che non ha convinto né il tecnico del pugile né l’organizzatore dell’incontro. “Questo signore ha mancato di rispetto se stesso, sua moglie, i fan e me” ha dichiarato il tecnico Nate Campbell.

Leon Margules, il promoter dell’incontro, è anche più duro. “Ha firmato un contratto e ha accettato di combattere. La prima volta che abbiamo sentito parlare di problemi di denaro è stato dopo aver lasciato il ring. Ha effettuato la pesa e si è presentato in tempo sul ring e ha persino toccato i guantoni prima della campana. È strano. Se non gli piaceva l’accordo, perché ha accettato la lotta e il denaro?” ha detto il promoter.

Potrebbe interessarti anche...