Insanabile la frattura Fonseca-Dzeko: ora la Roma punta su Allegri

Omar Abo Arab
·1 minuto per la lettura

A poche ore dal (secondo) Roma-Spezia, la situazione a Trigoria rimane tesissima. In una settimana il mondo giallorosso si è praticamente rovesciato, tra il derby perso e la clamorosa eliminazione in Coppa Italia con lo Spezia (un ko 4-2 ai supplementari che si è tramutato nella seconda sconfitta a tavolino stagionale, stavolta per le incredibili 6 sostituzioni fatte), che ha portato in dote anche l'esplosione del caso Edin Dzeko.

Fonseca e Dzeko | Silvia Lore/Getty Images
Fonseca e Dzeko | Silvia Lore/Getty Images

L'attaccante bosniaco, riporta l'edizione odierna del Corriere della Sera, ha ormai rotto con Paulo Fonseca. Un rapporto che si era incrinato già lo scorso 6 agosto dopo l'eliminazione in Europa League con il Siviglia, con il pesante litigio negli spogliatoi al termine di Roma-Spezia che ha messo fine al rapporto tra i due: i Friedkin sono rimasti delusi dal comportamento di tutti, allenatore e attaccante (che è anche il capitano della squadra e il giocatore più pagato con 7,5 milioni di euro).

Il presidente della Roma Dan Friedkin | TIZIANA FABI/Getty Images
Il presidente della Roma Dan Friedkin | TIZIANA FABI/Getty Images

L'avventura di Dzeko nella Capitale è ormai finita - per la terza volta - ma trovare una squadra a pochi giorni dalla fine del mercato sembra molto difficile, se non impossibile. Oggi l'attaccante non è stato convocato, ma i Friedkin hanno già deciso: a fine anno via entrambi per puntare tutto su Max Allegri, non disposto a subentrare a stagione in corso ma a prendere un in carico un piano pluriennale.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A.