Insigne da record col Napoli, ma il rinnovo ancora non c'è. E il Milan...

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Se mai ce ne fosse stato bisogno Lorenzo Insigne ha ribadito con un'altra stagione da record la sua importanza all'interno del Napoli. La squadra che tifa da bambino e di cui indossa la fascia da capitano. La qualificazione Champions, obiettivo del club, è ormai ad un passo, ma anche Insigne ha raggiunto uno dei suoi record viste le 18 reti realizzate in Serie A. Le stesse del 2016/17 che gli hanno permesso di diventare il simbolo incontrastato del club partenopeo.

Insigne e Gattuso | Francesco Pecoraro/Getty Images
Insigne e Gattuso | Francesco Pecoraro/Getty Images

Per Insigne, però, non è tutto rose e fiori (almeno in apparenza) visto il contratto che scade il 30 giugno 2022 e che un accordo per il suo prolungamento che ancora non è arrivato. Il suo agente Vincenzo Pisacane e il presidente Aurelio De Laurentiis si sono incontrati, ma senza arrivare a dama, lasciandosi però con la "promessa" di rivedersi al termine della stagione con la Champions priorità assoluta.

Ma la visita del procuratore di Insigne a Casa Milan, risalente a qualche settimana fa, ha scatenato le voci di un addio all'azzurro, soprattutto in caso di cessione di Calhanoglu da parte dei rossoneri. Insigne piace e anche tanto al Milan, ma una vera e propria trattativa non è mai cominciata. Per il numero 24 partenopeo e il suo entourage la prima opzione resta sempre e solo il Napoli, che però deve convincerlo con un gran progetto tecnico (ed economico).

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli