Insigne sorride a Castel di Sangro, ora il faccia a faccia con De Laurentiis per il rinnovo: gli scenari

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·3 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il futuro di Lorenzo Insigne resta un argomento caldo, caldissimo. Il contratto del capitano del Napoli scadrà tra dieci mesi e ancora non c'è traccia di rinnovo o cessione. Il futuro è ancora tutto da scrivere e c'era tanta attesa riguardo il suo ritorno. Insigne è finalmente a disposizione di Luciano Spalletti e oggi è sceso in campo per il primo allenamento sotto la guida del nuovo allenatore del Napoli.

PRIMO ALLENAMENTO - Con la situazione ancora in bilico c'era la preoccupazione di vedere un Insigne cupo, ma così non è stato. Il talento di Frattamaggiore ha mostrato un enorme sorriso fin dall'inizio dell'allenamento, scherzando e ridendo con i membri dello staff e con i suoi compagni di squadra. L'atmosfera è stata evidentemente serena, con l'obiettivo di portare questa serenità in un nuovo contratto che lo leghi a vita al Napoli.

L'INCONTRO - De Laurentiis è arrivato nel pomeriggio a Castel di Sangro, l'incontro si farà prestissimo, i due parleranno del futuro. Potrebbero incrociarsi in tempi brevi già all'Aqua Montis Resort & Spa, l'hotel dove alloggia il Napoli in questo periodo di ritiro a Castel di Sangro. Dalla sua, Insigne vuole rinnovare, la volontà è quella di restare a Napoli, è felice di indossare ancora la maglia azzurra. C'è però un grande Europeo alle spalle che lo spinge inevitabilmente ad aumentare le sue pretese. Un aumento di ingaggio che passerebbe dai quasi 5 milioni di euro attuali percepiti ad almeno 6 stagionali. Il Napoli, però, ha chiaramente bisogno di abbattere i costi, ridurre il tetto ingaggi e De Laurentiis sarebbe pronto a chiedere al capitano napoletano una riduzione di stipendio. In sostanza, però, il club non ha mai offerto nulla sul piatto, quindi un'offerta ufficiale non è arrivata.

ARRIVA L'AGENTE - Non è da escludere che il Napoli riesca ad ottenere una riduzione dell'ingaggio ma accordandosi sulla gestione autonoma dei diritti d'immagine in favore del giocatore. Settimana prossima a Castel di Sangro dovrebbe arrivare Vincenzo Pisacane, agente di Lorenzo Insigne. Ufficialmente sarà in Abruzzo per discutere la cessione di Ciciretti, Palmiero e Contini (suoi assistiti). Ma si parlerà anche di Insigne. I rapporti con De Laurentiis non sono dei migliori, dato che il presidente del Napoli non ha mandato giù una recente storia social in cui l'agente sembrava criticare il patron azzurro, ma lo stesso Pisacane ha smentito dichiarando di aver semplicemente ricondiviso un'immagine di un tifoso per errore. De Laurentiis così vuole il faccia a faccia diretto con Insigne. Dopodiché, probabilmente, toccherà al procuratore che discuterà con Giuntoli.

I TIFOSI - La maggior parte del tifo è dalla parte del suo capitano. Ne è stato riconosciuto ancor di più il valore dopo quest'annata in cui ha superato il suo record personale, mettendo a segno 19 gol in campionato. E dopo aver vinto l'Europeo con l'Italia in cui è emerso il suo famoso "tiro a giro" contro il Belgio. I napoletani chiedono a gran voce il rinnovo, anche se una minima parte vuole che venga fatto un passo in avanti da parte sua, un atto d'amore di Insigne. Non dipenderà solo da lui e potrebbe non risultare decisivo il confronto ravvicinato. Prende quota l'ipotesi di iniziare la nuova stagione con il contratto in scadenza arrivando nel 2022 con la situazione ancora in sospeso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli